SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un altro ex rossoblu, un’altra vittima della “stronza”, maniera alternativa per definire la Sla. Sul prossimo numero di RivieraVenti, inserto vintage che troverete all’interno del numero 913 di Riviera Oggi (in edicola da lunedì), riproporremo un’intervista del 2003 a Moreno Solfrini, quando l’incubo della malattia era ancora lontanissimo.

“Con Venturato finì male, mi tirò addosso addirittura una scrivania”, ci confessò. “Mi fece passare la voglia di continuare a giocare a calcio”. Poi ancora ricordi ed un omaggio sincero ai supporters rossoblu: “I rapporti con loro sono sempre stati ottimi. San Benedetto è l’unica città dove si possa vedere la partita con la famiglia intera. Evidentemente c’è qualcosa nel dna dei vostri tifosi. Torno spesso quaggiù, è una tappa obbligata per ritrovare vecchi amici e fare delle solenni mangiate”. Un documento da conservare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 483 volte, 1 oggi)