per vedere il video clicca sulla destra e attendi qualche istante per il caricamento dello spot. Riprese e montaggio Maria Josè Fernandez Moreno. Interviste di Emanuela Voltattorni

GROTTAMMARE – E pure quest’anno è andata. La festa più importante di Grottammare è stata baciata dal sole. Tradizione rispettata: l’estate di San Martino è riconfermata.

Grande l’affluenza nei due giorni di fiera, 11 e 12 novembre. Qualche lamentela da parte di alcuni ambulanti, ma le persone giravano con le buste piene: spesa soprattutto per i prodotti ‘enogastronomici. Nel Parco delle Rimembranze, gli stand che vendevano il vino novello sono stati presi d’assalto, purtroppo anche dai più giovani.

Nella giornata dell’11 novembre ci sono state molte critiche rispetto il tanta decantata “area del Biologico” novità di quest’anno e anche questa ubicata nel Parco delle Rimembranze. Gli stand che esponevano prodotti tipici di sicura provenienza, sono stati costretti a chiedere di essere spostati per il secondo giorno di fiera nel Parco Comunale. Pare che parecchi ragazzi ubriachi abbiano creato problemi e disordini.

Un plauso va fatto però al sindaco Luigi Merli. Nella discussa zona della fiera destinata all’esposizione e vendita degli animali, possiamo confermare che i controlli annunciati si sono regolarmente verificati: il primo cittadino durante la presentazione della fiera, aveva garantito che si sarebbero mossi gli enti preposti. Così è stato. Nel pomeriggio dell’11 novembre, prima giornata di San Martino, abbiamo costatato la visita della Guardia Forestale Guardie Zoofile e Asur.

Da fonti certe abbiamo riscontrato che non ci sia stato alcun verbale nei confronti dei venditori e che  tutti i cuccioli esposti alla vendita (anche se un po’ impauriti e tremolanti n.d.r) erano sani. Un ulteriore controllo c’è stato nel pomeriggio del 12 ma per ora non ne conosciamo l’esito.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.909 volte, 1 oggi)