clicca sull’icona rettangolare in basso sulla destra per vedere le immagini

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il “mostro marino” Tnt 48 Replica del Cantiere navale Metamarine ha avuto il suo varo ufficiale. Sabato pomeriggio al porto di San Benedetto gli occhi erano tutti per il “gioiellino” di casa Metamarine. Un monocarena da diporto dalla linea accattivante, dotato di motori diesel e tecnologie di bordo sviluppate a partire dalle soluzioni del Team Corse Metamarine.

Al varo hanno assistito tante autorità e tanta gente comune. Fan dei successi sportivi del direttore tecnico di Metamarine, Marco Pennesi, lavoratori del porto, appassionati di nautica, semplici curiosi con famiglie e bimbi al seguito.

Fra le autorità, oltre ovviamente alla Capitaneria di Porto, c’erano il sindaco Giovanni Gaspari, l’assessore provinciale alle attività portuali Bruno Gabrielli, il deputato Amedeo Ciccanti.

Dopo la benedizione del sacerdote don Fabrizio, la barca ha preso il largo per dei piccoli giri di prova con le autorità e i fan. Nei loro interventi, i politici si sono felicitati per questo segnale di ripresa della cantieristica picena, e di tutto l’indotto. Un buon segno non solo per il porto, ma per una intera filiera imprenditoriale. Fornitori, tecnici progettisti, operai: tutto Made in Piceno.

Il sindaco Gaspari ha ricordato che il 27 ottobre scorso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, a Roma, ha deliberato il definitivo semaforo verde al finanziamento per il nuovo scalo di alaggio, approvando in parallelo anche l’adeguamento tecnico funzionale del piano regolatore del porto. “Sono due grandi novità per il cuore storico dell’economia cittadina – ha affermato il primo cittadino – lo scalo di alaggio permette di varare imbarcazioni di grande stazza, e quindi le nostre imprese potranno così operare in un segmento di mercato che non risente della crisi e che può portare tanto lavoro nel porto sambenedettese”.

Dal punto di vista urbanistico, è stato sottolineato che l’adeguamento del piano regolatore portuale permette agli imprenditori della cantieristica di avere il via libera ad ampliamenti e ristrutturazioni delle loro aziende. Questo comporta maggiore igiene, con la bonifica delle strutture in eternit, maggiore sicurezza per i lavoratori grazie a spazi più funzionali, possibilità di attrarre nuove commesse.

Gabrielli a nome della Provincia ha reso noto che il Piceno avrà benefici di visibilità dall’Expo 2015 di Milano, grazie ad accordi con gli enti organizzatori che stanno andando a buon fine. “Pennesi e Metamarine potranno essere testimonial di un territorio che oltre alle bellezze culturali, paesaggistiche ed ambientali, può fregiarsi anche di imprese innovative e produzioni di avanguardia. Sono tutti elementi cardine del piano marketing che stiamo studiando per valorizzare la nostra immagine di territorio del bel vivere”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 588 volte, 1 oggi)