SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb torna, un anno dopo, allo stadio “Montefeltro” di Urbino, ma l’avversario stavolta è il Fossombrone, e la categoria la serie D. La società metaurense è reduce da un ottimo campionato da matricola, terminato al terzo posto e dopo aver lottato per diversi mesi con la corazzata Pisa. Ma rispetto all’anno scorso è cambiato tutto: non c’è più la potenza economica e mediatica dello stilista-imprenditore Dirk Bikkembergs, che in luglio ha deciso di lasciare il mondo del calcio (e forse anche l’Italia) in seguito alla maxi evasione fiscale da 111 milioni di euro contestatagli dall’Agenzia delle Entrate.

La società forsempronese, forte di oltre 60 anni di onorevole storia nel calcio marchigiano, ha cercato di ripartire su nuove basi, dando finalmente spazio ai talenti dell’ottimo settore giovanile. Agli ordini di mister Francesco Baldarelli, ex allenatore della Juniores, c’è una squadra molto giovane ma puntellata con elementi di categoria come il portiere Giustolisi, i difensori Savini e Gentili, i centrocampisti Luca e Nicola Vitali e l’attaccante Elia Donzelli. Ultimo acquisto, in ordine di tempo, il centrocampista Michele Carbonari, originario di Fossombrone ma l’anno scorso in forza al Fano in Seconda Divisione.

L’inizio di campionato sembra aver in parte dissolto i dubbi dei tifosi biancoblu sulla possibilità di questo Fossombrone “povero” di agguantare la salvezza: sono infatti arrivati due discreti pareggi (per 0-0) contro Bojano e Civitanovese. Di certo non sarà un’impresa facile, in questo campionato lungo 38 giornate e ricco di blasonate avversarie, tra le quali proprio la Samb.

Quello contro i rossoblu sarà dunque un ulteriore test sulle potenzialità di questo Fossombrone. I ragazzi di Palladini invece cercheranno a tutti i costi di agguantare la prima vittoria stagionale dopo il rammarico per lo 0-0 contro il Forlì, cercando magari di sfruttare la stanchezza di alcuni giocatori avversari dopo il turno infrasettimanale di Coppa Italia. Ma senza sottovalutare il giovane Fossombrone, capace domenica scorsa di bloccare la Civitanovese.

LA SCHEDA
FC Fossombrone
anno di fondazione: 1949
colori sociali: biancoblu
presidente: Francesco Tramontana
allenatore: Francesco Baldarelli
stadio: “Comunale” di Fossombrone (1000 posti)

Rosa 2010/11:
PORTIERI Claudio Giustolisi (1981), Marco Mea (1991, confermato)
DIFENSORI Riccardo Alegi (1992, Real Montecchio), Andrea Antonioni (1990), Carbonari (1993), Samuele Cecchini (1992, conf..), Andrea Chiarucci (1991, conf), Alessio Fiori (1987, Real Montecchio), Luca Gentili (1986, Real Montecchio), Marcucci (1981), Luca Sannipoli (1991, conf.), Andrea Savini (1986, Fano)
CENTROCAMPISTI Matteo Amadori (1992, conf..), Sebastiano Antonelli (1992, conf), Luca Bertuccioli (1990), Michele Carbonari (1988, Fano), Fucili, Marco Gallo (1990), Mattia Marini (1991, conf.), Matteo Menconi (1991, conf.), Marco Meschini (1990), Luca Vitali (1980, Umbertide Tiberis), Nicola Vitali (1982, Montegranaro)
ATTACCANTI Elia Donzelli (1986, Mezzocorona), Michele Lovascio (1991, Potenza Picena), Marcolini (1994), Morelli (1993), Luca Moschini (1987, Olimpia Marzocca), Pelagaggia (1992), Percetti, Luca Pietraccini (1990, conf.)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 783 volte, 1 oggi)