MONTEPRANDONE – Nella giornata di martedì 27 luglio una delegazione proveniente dall’Egitto ha visitato l’Istituto di Ricerca Asteria di Monteprandone. Il nutrito gruppo, composto da dodici rappresentanti della Federazione delle Industrie Egiziane si è mostrato particolarmente interessato alle attività di valorizzazione delle risorse umane (formazione in azienda, inserimento scuola/lavoro), ma anche di ricerca e trasferimento tecnologico nel settore agroalimentare, ittico, ambientale, delle energie da fonti rinnovabili.

«Alla delegazione egiziana formata da imprenditori e responsabili della formazione abbiamo illustrato le attività di sviluppo tecnologico e ricerca applicata – ha dichiarato Fabio Cocci di Asteria – e si sono creati i presupposti per un’eventuale collaborazione con enti e società private egiziane. L’incontro è stato incentrato soprattutto sull’argomento della formazione, che riguarda la preparazione professionale non solo dal punto di vista tecnologico e scientifico ma anche manageriale e di gestione delle aziende private, e che ha suscitato un forte interesse da parte della stessa delegazione».

Secondo il rapporto stilato dal Ministero degli Affari Esteri e dall’Ice Istituto per il Commercio con l’Estero, nel secondo semestre 2009, l’Egitto ha registrato una buona performance complessiva. Sul piano delle relazioni bilaterali, la straordinaria rilevanza, vitalità e concretezza degli intensi rapporti di collaborazione tra l’Italia e l’Egitto è stata confermata anche nel periodo in esame dalla sequenza di incontri al massimo livello, dall’intenso scambio di visite ufficiali nei due Paesi e dalla conclusione di intese volte ad istituzionalizzare la cooperazione nei diversi settori.

I rapporti commerciali bilaterali sono eccellenti: nel triennio 2006-2008 l’interscambio è quasi raddoppiato, superando la soglia dei 5 miliardi di Euro. Nel 2009, nonostante gli effetti della crisi economica mondiale sul commercio dei due Paesi, in termini di valori complessivi l’Italia ha mantenuto la sua posizione di primo partner commerciale dell’Egitto a livello europeo, e di secondo tra i Paesi occidentali, dopo gli Stati Uniti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 80 volte, 1 oggi)