SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Emozionale, accattivante, sorprendente anche per chi nella Riviera delle Palme e nel Piceno ci vive. Ottimo lavoro, un nuovo catalogo del territorio che mancava da tempo per completezza, impatto e veste estetica.

“Dove tutto ha un senso…” è il motto che compare sulla copertina del nuovo catalogo con cui l’Assoalbergatori Riviera delle Palme mostra al mondo bellezze, cultura, scorsi ed emozioni della nostra terra. Richiami sensoriali, vista, udito per la voce del mare, olfatto per il cibo. Per le fiere di settore ma anche per lasciare un ricordo estetico ai visitatori.
Debutto ufficiale del prodotto nella fiera di Stoccarda appena conclusa, dove ne sono state distribuite 300 copie. «Sembra un numero ridotto rispetto alle migliaia di visitatori di questa fiera, ma teniamo presente che i tedeschi non usano prendere materiale cartaceo a vuoto. Cataloghi di altre località sono andati via in numero molto minore», afferma Gabriele Di Emidio, presidente Assoalbergatori a cui va l’indubbio merito di aver portato avanti questa iniziativa.

Non è scontato fare un buon catalogo. Chi ama e comprende i mezzi comunicativi delle arti grafiche lo sa bene. Chi venera la fotografia come luogo privilegiato di trasmissione emozionale lo apprezzerà.

Dall’esotico più vicino al romantico del mare e della collina, suggeriscono due volti storici dell’Assoalbergatori come Luigi Quondamatteo e Andrea Perugini. Un catalogo “made in Piceno”, con il progetto grafico di Annia Bartolini, Paola Armandi e Alberto Tommolini, testi di Solidea Ruggiero, immagini di fotografi professionisti locali e appassionati che hanno partecipato al concorso “Fotografiamo la Riviera delle Palme” indetto dall’Assoalbergatori e dal Foto Cine Club Sambenedettese proprio con lo scopo di rinfrescare il patrimonio di immagini da “esportazione”. Si vede e come il tocco femminile nell’estetica del catalogo, apportato dalla dinamica albergatrice Simona Cava. «Volevamo si sentisse a pelle il tocco emozionale delle immagini, crediamo di esserci riusciti e ne siamo fieri».
Altre novità descritte da Di Emidio: «Abbiamo voluto qualificare il territorio della Riviera con l’offerta di servizi alternativi rispetto alla spiaggia e all’ombrellone. Ci sono pagine dedicate al golf club I Lauri, una sezione dedicata alla Fortek per il noleggio di motoscafi e gommoni a motore senza patente, diving, autonoleggio, linee dei bus per visitare l’entroterra. Riteniamo sia meglio far conoscere questi servizi fin da subito, prima ancora della prenotazione in hotel, in modo che il turista si organizzi gli spostamenti».

Due le lingue nei testi, inglese e tedesco. E per il rilancio della presa rivierasca sul mercato turistico teutonico, Di Emidio suggerisce: «I tedeschi si dividono in due categorie, chi vuol spendere pochissimo e chi chiede solo l’eccellenza. La Riviera delle Palme si colloca a metà fra questi due target e un poco ci penalizza. Non siamo un luogo d’elite e allo stesso tempo mar Rosso e Turchia offrono prezzi troppo più bassi di noi. Ma ci sono spazi in cui una riduzione del prezzo può attirare turisti tedeschi. Per il due giugno conto di trovare associati disposti a offrire pacchetti scontati, farebbe partire la stagione turistica prima del solito e sarebbe un modo di ritrovare appeal su quel mercato».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.897 volte, 1 oggi)