CENTOBUCHI-RENATO CURI ANGOLANA 0-2

CENTOBUCHI: Franchi, Pesce (91), Di Venanzio, Marco Ianni (82′ Cardinali), D’Addazio, Polenta (88), Frinconi (90), Calvaresi (89) (55’Cesani 88- 91′ Balestra 90), Pirelli (90), Bifini, Filiaggi (91). A disposizione: Cinquegrana (90), Stangoni (91), Mozzoni (89), Galiffa. Allenatore: Piccioni

RENATO CURI ANGOLANA: Ortolano, Pomposo, Traini, Forlano ( 83′ De Cecco), Cossu, Del Grosso, Fideli (66′ Micaroni), Ganje, Aquaro, De Matteis, Rosetti (81′ Galasso). A disposizione: Capetola, Terrenzio, D’Orazio, Gargiulo. Allenatore: Marcangeli

Arbitro: Di Stefano della sezione di Brindisi

Reti: 65′ Aquaro (R.C.), 79′ De Matteis (R.C.)

Ammoniti: De Matteis (R.C.), Traini (R.C.), De Cecco (R.C.)

Angoli: 4-0.

Recuperi: 1’+4′.

Spettatori: 350 circa di cui 60 circa i sostenitori provenienti da Città Sant’Angelo (Pescara).

Terreno di gioco: umido e fangoso in pessime condizioni.

MONTEPRANDONE – Passo falso del Centobuchi che dopo la buona gara coronata col successo di Agnone è caduto in casa contro un’ottima Renato Curi Angolana che ha sostanzialmente meritato la vittoria ottenuta al Comunale Vincenzo Nicolai (al quale è stato intitolato sabato scorso il campo sportivo Comunale) di Centobuchi (è la sua terza vittoria consecutiva).
Piccioni ha cambiato la formazione non riconfermando quella che si era imposta ad Agnone ma inserendo dal primo minuto D’Addazio e Calvaresi e lasciando fuori Mozzoni e Galiffa ma soprattutto non facendo partire titolare come tutti si aspettavano il match winner di domenica scorsa Cesani, anch’egli in panchina.
Le due squadre si sono affrontate su un terreno di gioco infame che ha reso a lunghi tratti problematico e quasi impossibile  il cambio di gioco sulle fascie. L’approccio alla gara potrebbe essere stato uno dei fattori che ha fatto la differenza:  male quello del Centobuchi  che è sembrato un po impacciato, bene quello della Renato Curi che si è dimostrata una squadra assai motivata e rivitalizzata e in un grande momento di forma: ha giocato un discreto primo tempo in cui ha avuto in mano il pallino del gioco pur senza creare azioni clamorose da gol ma si è tenuta costantemente in chiave offensiva imbrigliando i padroni di casa che invece hanno esibito una manovra a tratti sterile.

Secondo tempo che invece è stato inizialmente più equilibrato ma in cui l’Angolana è stata spietata, facendo sua la contesa con due ottime giocate e raccogliendo quanto seminato nella prima frazionei.

La cronaca:  Al 16′ l’estremo ospite Ortolano anticipava in uscita Bifini servito da Filiaggi. Al 24′ Rosetti (oggi davvero una spina nel fianco per il  Centobuchi) dalla sinistra andava via in dribbling  e giunto seppur defilato a ridosso della porta avversaria, tentava la conclusione sul palo coperto da Franchi che non si faceva sorprendere respingendo la sfera. Al 33′ Aquaro su cross dalla destra di Fideli, mancava per un soffio la deviazione vincente da pochi passi, con Franchi che lo anticipava.
Al 35′ il solito Aquaro faceva la sponda di testa per l’accorrente Fideli che veniva però anticipato da pochi passi dalla pronta uscita dell’onnipresente Franchi. Al 37′ Di Venanzio ci provava calciando una punizione dai 25 metri, ma Ortolano gli si opponeva alzando il pallone sopra la traversa e quindi in corner. Al 45′ colpo di testa a girare di Aquaro con palla che sfiorava il palo sinistro,  terminando sul fondo.

Al 49′ punizione di Di Venanzio dalla sinistra smanacciata lontano dalla sua area da Ortolano. Un minuto dopo Forlano ci provava con una conclusione a polombella, con palla che scendeva ma terminava al di sopra della traversa. Al 65′ Aquaro si liberava in dribbling e tentava la conclusione ma Franchi chiudeva, pochi istanti dopo arrivava il vantaggio degli abruzzesi,   di nuovo Aquaro servito in area da Rosetti,  stavolta spiazzava Franchi con un velenoso rasoterra di rapina. Al 79′ il raddoppio ospite in contropiede quando l’ottimo Rosetti si involava sulla destra e arrivava sul fondo appoggiando in mezzo all’area per l’accorrente De Matteis che in scivolata depositava la palla in rete con un tapin di collopiede ravvicinato, mettendo il sigillo sulla gara.
All’81’ conclusione forte di D’Addazio respinta da Ortolano.
Ora il Centobuchi (alla sua sesta sconfitta in campionato, la terza in casa) sempre in attesa del verdetto della giustizia sportiva in merito alla gara interna col Campobasso (oggi sconfitto a sorpresa tra le mura amiche dall’Elpidiense di Sestilio Marocchi) rimane a 10 punti facendosi staccare dalla squadra pescarese che sale a 13, ma i ragazzi di Piccioni non debbono abbattersi ma ripartire subito considerando quella odierna solo una battuta d’arresto casuale. Domenica biancocelesti attesi dalla trasferta di Bojano (che oggi ha pareggiato a Civitanova) .

Risultati 10° Giornata d’andata-8/11/09 serie D girone F:

Atletico Trivento-Olympia Agnonese 0-0 ; Casoli-Santegidiese 0-0; Centobuchi-Renato Curi Angolana 0-2; Chieti-Morro d’oro 2-0; Civitanovese-Bojano 1-1 ; Luco Canistro- L’Aquila 1-2; Miglianico- Atessa Val Di Sangro 1-4; Nuovo Campobasso-Elpidiense Cascinare 1-2; Real Montecchio-Recanatese 0-1.

La classifica:L’Aquila e Santegidiese 23, Atessa Val Di Sangro 22, Chieti 21, Atletico Trivento * 18, Olympia Agnonese 17, Casoli 15, Nuovo Campobasso #, Recanatese *  e Renato Curi Angolana 13, Civitanovese 12, Centobuchi # e  Luco Canistro 10, Bojano ** 9, Elpidiense Cascinare,  Miglianico e Morro d’oro 8, Real Montecchio 4.

**= 2 punti di penalizzazione

*= 1 punto di penalizzazione.

#= si attendono ancora responsi dal giudice sportivo in merito a gara non omologata

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 834 volte, 1 oggi)