GROTTAMMARE – Giustina Capriotti è nata il 16 aprile 1909 a Ripatransone e vive insieme alla figlia, la signora Palma Sgariglia, nel quartiere San Martino dal 1997, dove si è trasferita da Centobuchi. Collabora ancora alla gestione della casa, dimostrando di essere ampiamente sufficiente per se stessa e per gli altri, sebbene lamenti di essere lasciata in disparte nei lavori in cucina, la sua passione. Durante la vita attiva, oltre al ruolo di casalinga, ha lavorato al fianco del marito nei campi agricoli.

Non si direbbe che questa signora dal tailleur blu possa avere 100 anni, un secolo, importante anniversario che è stato onorato nella mattinata di giovedì 16 aprile in Comune dal sindaco Luigi Merli.

«Sono molto felice di essere qui» ha dichiarato la signora Giustina con un largo sorriso, circondata da un gruppo di familiari ai quali si è unita anche l’assessore alle Politiche sociali, Ada Tassella.

L’anniversario è stato ricordato dal primo cittadino con la lettura di due poesie in vernacolo grottammarese del poeta locale Pio OttavianiLu paese mi’ e ‘Na serenata – oltre alla  consegna di un mazzo di fiori e di una targa ricordo.

“Nonna” Giustina è la residente più anziana della comunità grottammarese. In particolare, tiene testa ad altre  25 persone over 95, tra cui due 99enni. Una categoria che va allargandosi (erano in 15 l’anno precedente), come quella delle famiglie, che sono 6.048 (con una crescita di 120 famiglie), e delle nuove residenze (con una crescita di 197 residenze), trasferite  sia da altre località italiane che da Paesi stranieri (per un totale di 83). Complessivamente la popolazione grottammarese raggiunge quota 15.496 (dati al 31.12.2008).

Dalla redazione i più vivi auguri alla signora Giustina.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 600 volte, 1 oggi)