ASCOLI PICENO – «Agevolazioni per gli studenti che devono spostarsi per la frequenza scolastica e, oltre al disagio dell’orario e del tragitto, devono sostenere un onere non indifferente». Le chiede alla Provincia di Ascoli, Raffaele Tassotti, capogruppo della Democrazia Cristiana per le Autonomie al Consiglio provinciale.
«L’aumento delle tariffe dei bus può mettere in ginocchio molte famiglie; la sinistra radicale intende annullare questo simbolo di cristianità con buona pace anche dei riformisti dell’Unione. In questi aumenti di tariffe s’evidenzia anche una strisciante ma forte discriminazione tra gli studenti che hanno la scuola sotto casa e quelli che devono perdere tempo e soldi per frequentarla altrove, come nel caso dei ragazzi di Colli del Tronto. Cari Amministratori, ricordate: la politica deve saper ascoltare, non imporre».
“Voglio inoltre portare l’attenzione dei cittadini – ha concluso Tassotti – anche su come questi sconsiderati aumenti tariffari delle linee di trasporto pubblico locale, autorizzati dalla Regione Marche, andranno ulteriormente e direttamente ad incidere sulle tasche di noi cittadini».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 399 volte, 1 oggi)