SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Che fine farà la Samb? Per ora i rossoblu continuano nell’autogestione. Ma chi presiederà l’allenamento di domani. Dopo i forfait di Galderisi e Zecchini, sembra che un allenatore sambenedettese sarà alla guida della squadra. Non è Ortega (domenica scorsa era in tribuna), il quale ci ha fatto sapere «di essere molto addolorato per la situazione della Samb, ma di non essere stato chiamato da nessuno». Non è nemmeno Augusto Gentilini «Non potrei, sono già legato ad altra società. Non accetterei comunque. In questa situazione Francesco Chimenti era l’uomo ideale».
E allora: Bruno Piccioni? Enrico Piccioni? E chi può essere? Si tratta di una notizia fondata o è la classica boutade per destabilizzare ancor di più l’ambiente. Anche perché accettare l’invito equivarrebbe ad essere andato a patti con Soldini. L’ambiente sportivo rossoblu come la prenderebbe?
Giungono anche notizie di trattative «addirittura già ben avviate» con un gruppo sambenedettese. Chi vivrà vedrà. L’unica cosa di cui siamo certi è che, fra le possibili soluzioni, esiste quella per cui il romano d’assalto consegni la Samb nelle mani del Commissario Prefettizio Carlo Iappelli, il quale, in accordo con la squadra, potrebbe richiamare in sella lo staff tecnico presieduto da Croci e Chimenti. Stiamo sognando?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.253 volte, 1 oggi)