SAN BENEDETTO DEL TRONTO – *Lo spettacolo che ci propone Capriotti è avvilente per la città e per la politica intesa come espressione di alti valori di servizio ai cittadini sambenedettesi; se il Segretario comunale di Forza Italia avesse usato una vivacità e un vocabolario così variopinto nei confronti della sinistra, ci avrebbe fatto vergognare come alleati per l’asprezza dei toni, che vanno ben oltre un sereno confronto politico, a maggior ragione ci vergogniamo nel constatare come si rivolge ad un partito alleato.
La pochezza delle parole di Capriotti ci fanno capire il motivo della dissoluzione di Forza Italia in questi anni, nonostante la fiducia degli elettori sambenedettesi che avrebbero però auspicato una classe dirigente con più alta responsabilità istituzionale.
Per quanto riguarda la difficoltà a dialogare con noi, ne prendiamo atto, dal momento che si aggiunge a quella già manifestata da Capriotti a dialogare con AN. Capiamo che l’equivoco di un dialogo con Martinelli in corso, è molto più rassicurante di una scelta di campo, perchè tiene la porta di servizio aperta ad una strategia che vede finalizzarsi nella probabile candidatura dell’On. Ruggieri a Sindaco di San Benedetto.
In tale ipotesi, noi abbiamo le idee chiare nella scelta di campo e non tradiamo i nostri elettori. Speriamo solo che i dirigenti provinciali di Forza Italia facciano conoscere, diversamente dalla confusione politica attuale, con chi stanno e da che parte intendono fare la campagna elettorale; solo dopo potrà iniziare il dialogo con noi.
Fino a quel momento, “ci consenta” il Segretario di FI, di incontrare la cittadinanza, i quartieri, le associazioni di commercianti e tutti quelli che si riconoscono in una politica moderata ed attenta alla risoluzione dei problemi della città, dal momento che anche grazie a Berlusconi questa libertà di incontrare chi ci pare ci è ancora data.
*Paolo Turano segretario provinciale e comunale UDC

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 304 volte, 1 oggi)