MONTEPRANDONE – Calendario alla mano non si direbbe ma a livello climatico si può quasi dire che l’estate sta finendo e abbiamo colto l’occasione per sentire l’umore degli operatori turistici per tracciare un primo bilancio della stagione estiva. Siamo andati a trovare la signora Mira Ermetina, dell’hotel S. Giacomo a Monteprandone, Presidente dell’Associazione I Sapori del Piceno che mette insieme i ristoratori con i produttori di vino ed olio del territorio di Monteprandone.
La signora Mira non si ritiene molto soddisfatta della gestione del Consorzio Riviera delle Palme, in quanto non ha fatto quasi nulla per promuovere il turismo dell’entroterra della Vallata del Tronto e nello specifico di Monteprandone che da anni è considerato come un quartiere di S. Benedetto del Tronto e non un Comune a sè stante.
Ma fare polemiche in questo momento di crisi del settore non aiuta nessuno; è necessario un esame di coscienza da parte degli operatori e lavorare tutti in un’unica direzione.
Può fare un bilancio della stagione turistica?
Devo dire che non è andata malissimo: abbiamo avuto maggiori difficoltà lo scorso anno. In ogni modo è l’andamento generale che preoccupa. È finito il tempo in cui si facevano 2-3 settimane di vacanza; oggi si va nelle località turistiche per il week-end o al massimo per una settimana. Le nostre prenotazioni si sono concentrate nei venti giorni di agosto con punte massime nel periodo di ferragosto.
Lei è Presidente dell’Associazione I Sapori del Piceno: qual è il suo giudizio sulle manifestazioni in cui eravate presenti?
L’Associazione è nata da pochi mesi e non abbiamo avuto il tempo materiale per organizzare molti eventi. Abbiamo collaborato con l’Amministrazione nelle Notti del Gusto per la promozione di prodotti e aziende locali. La Cucina dello Spirito rappresenta una novità per il territorio di Monteprandone e dintorni. Poi il suggestivo scenario del Chiostro del Convento di S. Giacomo ha reso la manifestazione ancora più bella.
Programmi per i prossimi mesi?
A conclusione della stagione estiva ci ritroveremo attorno ad un tavolo per programmare in primis le iniziative in occasione della festa di S. Giacomo; mentre quasi sicuramente saremo presenti per le Notti del Gusto e riproporremo la Cucina dello Spirito magari in collaborazione con altri Comuni dell’entroterra dove sono presenti dei Conventi. Vorrei ringraziare l’Amministrazione di Monteprandone che ha accolto con entusiasmo le nostre iniziative e tutti coloro che hanno creduto in questo progetto e in particolare la Banca Picena Truentina, la S.E.I. Elicotteri, la Camera di Commercio e Slow Food.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 859 volte, 1 oggi)