SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nella sala stampa gremitissima ed addobbata per le grandi occasioni, si scatenano le polemiche del caldo dopo gara di Samb–Napoli.
Il primo a presentarsi ai microfoni è il presidente De Laurentiis, che con un atteggiamento decisamente anomalo, preferisce astenersi dal commentare il pareggio conquistato dai suoi per fare gli auguri ai napoletani di tutto il “mondo?: “Sono felice perché è Pasqua. Faccio i miei auguri a tutti i tifosi biancazzurri, anzi no, a tutti i napoletani sia residenti a Napoli, che in tutta la Campania?. Un giornalista gli chiede polemicamente “anche alla Iervolino??, con cui il presidente è in polemica per la gestione del San Paolo. “Sì, anche al sindaco. Lo stimo molto, sapete? La Samb? Bella, tonica, fisica, gagliarda. Come siamo stati accolti? Come in tutti gli stadi.?
Sopraggiunge il d.s. Marino e anche lui non ha voglia di parlare di calcio: “Auguri a tutti, basta calcio, pensate alla Pasqua!?
L’atteggiamento della dirigenza partenopea fa trapelare la stizza per il pareggio ottenuto dopo la serie di vittorie, che aveva indotto la tifoseria di poter ambire direttamente al primo posto.
Molto meno signorile è Scarlato, che si siede al tavolo delle conferente stampe per lamentare la cattiva ospitalità della Samb: “Ci è stato chiesto più volte di presentare i documenti e dopo aver fatto vedere la tuta con la (indubbiamente vistosa) scritta Napoli sono stato costretto ad entrare di prepotenza nello stadio.
Gli risponde a tono Remo Croci: “Ero presente e ci tengo a specificare che sono stati i rappresentati delle forze dell’ordine a chiedere i documenti a Scarlato, quindi sta esagerando.?
Mastellarini glissa e commenta il bel risultato di pubblico: “La città ha risposto alla grande e devo ringraziare i tifosi per la fantastica coreografia offerta?. Qualcuno gli chiede se “vi aspettavate qualcosa di più in termini di presenze o sbaglio?? “Sì, ma è stata la risposta dei napoletani ad essere inferiore alle attese.?
Mastellarini Jr. è il primo a parlare di calcio: ottima gara, giocata ad un buon ritmo. Abbiamo fatto la gara per 90 minuti e forse il pareggio ci va un po’ stretto. Finalmente abbiamo avuto un arbitro all’altezza, come è stato anche riconosciuto dai telecronisti di Sky. Non voglio fare polemiche (ma la fa), ma noi veniamo multati per qualche dichiarazione, mentre i tifosi napoletani che tirano le bombe…
Arrivano anche i giocatori della Samb. Colonnello è molto arrabbiato con Calaiò: “Ha dato un cazzotto da dietro a Taccucci, si è comportato da vile. Non si fa così. Ha dimostrato di meritare la categoria in cui gioca. E’ un giocatore di Serie C ed anche oggi lo ha dimostrato.?
Gli fa eco Femiano: “Abbiamo fatto una gara impeccabile ed Napoli non è stato mai pericoloso. Alla fine abbiamo temuto un po’ il pampa, sui colpi di testa, ma se qualcuno può recriminare per il pareggio è senza dubbio la Samb. Il Napoli lamenta tre calci di rigore non assegnati, ma dovrebbe multare Calaiò per il pugno dato a Taccucci. Non si colpiscono persone alla spalle. E’ da vili.”
Arriva anche il diretto interessato Taccucci: “Non ho visto il cazzotto di Calaiò, ma devo rimproverare Scarlato per il gesto antisportivo. In area succede di tutto, ma darmi una testata in quel modo è assurdo! Lasciamo perde e pensiamo ad andare avanti. Anche oggi abbiamo dimostrato di essere in grado di misurarci alla pari con chiunque!?
Mancini: “Il risultato è giusto. Non sono stato mai impegnato e quindi il Napoli deve accettare il pareggio. Anzi, forse siamo noi che avremmo potuto rimediare qualcosa in più. I rigori? Se ti tuffi ogni volta che entri in area, hai sbagliato sport.”
Dulcis in fundo Fontana: “Mi aspettavo un’accoglienza del genere per i miei trascorsi ascolani e ne io ne gli altri (Pia, Sosa, Capparella) che avevano vestito la maglia bianconera ci siamo fatti condizionare. Non si può vincere sempre e oggi avevamo di fronte una ottima squadra molto motivata, atleticamente preparata, piena di giovani validi. C’era un rigore su Capparella, ma senza dubbio l’arbitraggio è stato condizionato dal gran parlare fatto, a sproposito, durante la settimana.?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 777 volte, 1 oggi)