SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tentato furto nella notte in una villa sulla costa sambenedettese, i Carabinieri intercettano i ladri a Grottammare. Segue la nota:

«Nel rispetto dei diritti delle persone indagate, da ritenersi presunte innocenti in considerazione dell’attuale fase del procedimento – indagini preliminari – fino ad un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile, ed al fine di assicurare il diritto di cronaca costituzionalmente garantito, si comunica che:

La notte scorsa, il proprietario di una villa sulla costa sambenedettese ma residente da tempo nel maceratese, allertato dal sistema di allarme scattato sul proprio telefono cellulare, ha contatto la Compagnia Carabinieri di San Benedetto del Tronto comunicando una presunta intrusione nella sua proprietà.

Alla segnalazione di “furto in atto”, l’attivazione è stata immediata inviando in un primo momento la pattuglia più vicina al luogo dell’intervento e successivamente altri tre equipaggi già impiegati nei servizi di prevenzione predisposti dal Comando Provinciale di Ascoli Piceno.

Il personale dell’Arma, giunto in pochissimo tempo nei pressi della villa, anche con l’ausilio di una guardia giurata di una società di vigilanza privata, ha subito accertato segni di effrazione sulla porta di ingresso dell’immobile e udito dei movimenti sospetti al suo interno.

Mentre i rinforzi, appena giunti, cercavano di circondare il casolare peraltro di considerevoli dimensioni, i malfattori, vistisi braccati ed approfittando del buio, si sono dati alla fuga attraverso una porta secondaria abbandonando diversi sacchi pieni di refurtiva all’interno dell’immobile.

Il dispositivo di sicurezza perfettamente coordinato dalla Centrale Operativa, è riuscito a dare indicazioni ai militari sul campo tali da far accerchiare i ladri e farli fermare nel Comune di Grottammare.

L’operazione si è conclusa con il sequestro di diversi oggetti atti allo scasso, una autovettura e due telefonini oltre che con una denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Fermo per due uomini, un italiano ed un rumeno, già noti alle Forze dell’Ordine per analoghe vicende su cui sono stati raccolti importanti elementi probatori per il reato di tentato furto in abitazione, ora al vaglio dell’Autorità Giudiziaria».

I Carabinieri, inoltre, comunicano che: «Dopo una recente escalation di furti in abitazione registrati nell’ultimo periodo, il Comando Provinciale di Ascoli Piceno ha rafforzato il dispositivo di controllo del territorio disponendo specifiche attività di monitoraggio delle zone ritenute più a rischio per i furti in abitazione; infatti, l’operazione in argomento è stata possibile grazie al posizionamento strategico delle pattuglie su specifiche aree del territorio, individuate dopo un’attenta valutazione del fenomeno da contrastare, coordinate dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale che nella circostanza ha potuto immediatamente circondare la zona interessata dal furto e rintracciare i malviventi che nel frattempo si erano dati a precipitosa fuga. Altresì, importantissima è stata la tempestività nell’allertamento attraverso l’utenza di pronto intervento 112,  che ha permesso all’operatore di raccogliere elementi  fondamentali per indirizzare al meglio l’attività di ricerca degli autori del furto. Pertanto, si raccomanda  ancora una volta di segnalare sempre ogni situazione sospetta nella considerazione che per contrastare queste forme di reato occorre anche la collaborazione della cittadinanza che nei casi di dubbi deve sempre contattare le forze di polizia tramite il numero dell’emergenza 112».