TERAMO – La Corte di Assise di Teramo ha condannato a 27 anni di carcere (24 per omicidio e 3 per occultamento di cadavere) Simone Santoleri e a 24 anni (di cui 21 per omicidio e 3 per occultamento di cadavere) il padre Giuseppe per l’omicidio della pittrice teatina Renata Rapposelli. Condanna in primo grado.

Secondo l’accusa i due imputati avrebbero ucciso la donna, arrivata a Giulianova per incontrare l’ex marito e il figlio ad ottobre 2017. I due avrebbero agito per questioni economiche.

Il cadavere della donna venne ritrovato giorni dopo nelle Marche in una scarpata vicino al fiume Chienti.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.