SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Blitz delle Fiamme Gialle in Riviera in questi giorni, impegnati non solo nell’emergenza Coronavirus.

Sequestrati dai finanzieri della Sezione Operativa Navale di San Benedetto del Tronto una rete da posta di oltre 300 metri e chili di pescato: irrogata una sanzione amministrativa di mille euro a carico del pescatore abusivo responsabile.

L’attività di polizia nello specifico settore, finalizzata alla tutela del mercato e dei soggetti che esercitano legittimamente l’esercizio della pesca, è stata eseguita nel corso della notte di mercoledì 6 maggio, sulla spiaggia di Porto D’Ascoli, dove i militari delle fiamme gialle hanno sorpreso una persona risultata essere residente a San Benedetto del Tronto al rientro di una battuta di pesca con una piccola imbarcazione da diporto, con a bordo 10 chili di seppie ed una rete da posta di oltre 300 metri: attrezzo assolutamente vietato nella pesca sportiva.

I finanzieri hanno pertanto proceduto al sequestro di attrezzatura e pescato ed alla verbalizzazione nei confronti del responsabile.

Eseguita la necessaria visita ispettiva veterinaria, che ne ha accertato l’integrità e idoneità al consumo umano, il prodotto ittico sequestrato è stato devoluto in beneficenza a favore di una Onlus operante nel territorio del comune di San Benedetto del Tronto.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.