ALBA ADRIATICA – In tre, senza casco e in sella a una moto da cross, non si fermano all’alt dei carabinieri e, nel tentativo di fuggire, finiscono fuori strada. Il conducente, trasportato al pronto soccorso, ha fatto registrare, per giunta, un tasso alcolemico di 1.58.

Il grave episodio è avvenuto nella tarda serata di venerdì 9 agosto ad Alba Adriatica, poco dopo la fine dei festeggiamenti del Carnevale estivo dove era filato tutto liscio e senza alcun problema di ordine pubblico.

Una pattuglia dei carabinieri della locale compagnia era, però, impegnata in un specifico controllo stradale nei pressi della centralissima via Roma quando, a un certo punto, ha notato una moto con a bordo tre persone (un ragazzo alla guida A.C, 23enne del posto, e due ragazze una di 18 anni e una di 20 anni) che stavano viaggiando tutte senza casco.

All’alt dei carabinieri, però, il conducente ha pensato bene di non fermarsi e ne è nato un inseguimento per le vie limitrofe. E in una di queste il ragazzo alla guida, dopo una curva, ha perso il controllo del mezzo ed è finito fuori strada. Il giovane, che ha riportato un problema a un ginocchio, è stato trasferito all’ospedale di Sant’Omero insieme alla 20enne di Giulianova che ha riportato ferite guaribili in 20 giorni. La 18enne di Tortoreto, anche lei a bordo della moto, ha rifiutato le cure mediche avendo riportato solo delle leggere escoriazioni.

In ospedale A.C è stato sottoposto all’esame alcolemico facendo registrare un tasso di 1.58, ben oltre il limite consentito dalle legge. Inevitabile a quel punto la denuncia per guida in stato di ebrezza, oltre a quella per resistenza a pubblico ufficiale e per lesioni personali.

La moto, inoltre, è risultata essere sprovvista di regolare copertura assicurativa ed è scattato quindi anche il sequestro amministrativo di 60 giorni oltre a una multa di 868 euro. Sanzione che si è poi sommata alle altre infrazioni del codice della strada (guida senza casco e senza patente perché dimenticata a casa) per un totale di oltre 1200 euro.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.