ALBA ADRIATICA – Tenta, insieme a una complice, di prelevare contanti con delle carte di credito rubate, ma il piano non va a segno e i carabinieri di Alba Adriatica, dopo una breve attività di indagine, lo rintracciano ad Alanno, dove si era da poco trasferito, e lo arrestano.

E’ finito quindi in manette, su provvedimento del gip del tribunale di Teramo, Muhamed Saaid, 35enne marocchino, che nella giornata di ieri, 4 aprile, è stato trasferito nel carcere di Pescara e ora dovrà rispondere in concorso di ricettazione e indebito utilizzo di carte di credito. Ad inchiodarlo, le indagini portate a termine dai militari di Alba Adriatica che hanno permesso di stabilire che il 35enne era entrato in possesso di due carte di credito risultate rubate in due episodi distinti: il primo lo scorso ottobre ad Alba Adriatica quando fu rubata una borsa a una donna del posto, il secondo, invece, a novembre, sempre dello scorso anno, a Martinsicuro, quando, invece, fu asportato un borsello da un furgone di proprietà di un ambulante di Castilenti.

Il magrebino, con la complicità di una donna, V.L di 34 anni, aveva quindi provato a fare dei prelievi di contanti, ma i suoi movimenti non erano passati inosservati ai carabinieri che, in breve tempo, erano riusciti a risalire a lui arrestandolo. Il gip, infine, ha disposto per la donna l’obbligo di dimora ad Alanno.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.