Leggi qui tutti i dati del 2018 REPORT 2017-18 definitivo

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In occasione della festa di San Sebastiano, protettore della Polizia Locale, si è celebrata una messa nella chiesa di San Benedetto Martire con l’omelia di Monsignor Spina. Il sindaco Piunti introduce la conferenza stampa nella quale si presenta il Report delle attività della Polizia Municipale nel 2018: “Abbiamo attivato due assunzioni, una dal 1° febbraio e una dal 1° gennaio, per cui oggi siamo 43 tenendo conto delle cessazioni dei rapporti. La nostra attenzione si è manifestata con azioni concrete: oltre alle assunzioni ricordo i 50 mila euro per Spiagge Sicure, massimo importo ottenibile e una delle prime città ad ottenerlo. Stessa cosa si è ottenuta per il Piano della Videosorveglia con 412 mila euro intercettati di finanziamento, che ci ha resi prima realtà marchigiana grazie ad un ottimo progetto e al co-finanziamento di 500 mila euro, mentre io in bilancio ne ho trovati 29 mila”.

“Altri 20 mila euro sono stati destinati alla Protezione Civile con fondi Europei del progetto Life Primes, dove San Benedetto era città pilota con Senigallia. Tre giorni fa inoltre c’è stato un riconoscimento importante a Pesaro per la lotta ai rumori. A breve il regolamento sull’inquinamento acustico approderà in Consiglio Comunale.

“Sono diminuiti gli abusi come la vendita di alcol soprattutto verso i minori – afferma Piunti – come risulta dai verbali per inosservanza delle ordinanze sindacali. Bisogna invece aumentare la presenza in merito agli schiamazzi e alle soste selvagge. Ringraziamo anche il Prefetto e il Questore perché hanno sempre preso in considerazione San Benedetto forse più che in passato. A marzo abbiamo rinnovato il Patto sulla Sicurezza con il Prefetto. C’è una attività di lotta agli abusi perché il rispetto delle regole viene prima di tutto. In settimana ci incontreremo con gli uffici per vedere a che punto è il Piano delle Affissioni per il quale abbiamo iniziato una collaborazione con la Multiservizi.

Il comandante Giuseppe Coccia annuncia: “Qualche giorno fa c’è stato un incontro per vedere la sede alternativa della Polizia Municipale nel caso l’accordo fatto con Sipa per Piazza Kolbe non andasse in porto: i lavori dovrebbero finire a luglio”. Aggiunge Piunti: “La nuova sede era una promessa che avevo già fatto, quindi se non si andrà in Piazza Kolbe valuteremo alternative che siano comode per i lavoratori e per la città. Ringrazio i collaboratori più stretti che sono qui con me ma anche il Segretario Generale Eduardo Antuono che mi ha sostituito durante la mia assenza”.

Per noi 43 operatori non sono tantissimi, lo sforzo dell’Amministrazione c’è stato e il sindaco sa, parlando con me quotidianamente, abbiamo bisogno di altri operatori perché i lavori amministrativi ci portano via molto tempo. Abbiamo bisogno di 5 persone per il servizio amministrativo ma intanto siamo ridotti a tre di cui una in aspettativa. Stiamo anche usando novità tecnologiche come il progetto Cityworks per limitare i lavori amministrativi e cercando di renderli più veloci. Qualche tempo fa abbiamo fatto anche il primo procedimento telematico, senza contatti fisici” spiega Coccia.

“Noi siamo l’unico comune delle Marche e tra i pochi in Italia in grado di fare accertamenti sui rumori grazie a tecnici interni e la presenza di fonometri.”.

Nella foto, Piunti, Coccia e Brutti

Nel 2018 le segnalazioni sono scese rispetto al 2017: da 6.045 a 5.624. Le violazioni per il conferimento dei rifiuti sono scese così come quasi tutte le infrazioni. Sono aumentate tantissimo le richieste di intervento relative ai cani: ben 106, relativi a cani abbandonati, cani che mordono e via discorrendo.

I servizi notturni (19-01 o 20-02 o anche dalla mezzanotte alle 6 come a Capodanno) effettuati in particolare durante l’inverno sono passati da 93 a 108. I controlli per la “movida” sono passati da 40 a 42 e per l’abusivismo commerciale, da 24 a 29 servizi.

I verbali in tema di commercio e pubblici esercizi sono diminuiti da 28 a 21; i sequestri amministrativi sono diminuiti da 63 a 50 mentre è aumentato il numero di sequestri penali per marchi contraffatti, da 10 a 14. Per quanto riguarda le ordinanze specifiche del sindaco sulla “movida” sono diminuiti i verbali per uso e consumo di alcol su suolo pubblico, ma sono aumentate quelle per schiamazzi e pulizia dell’area.

“Nel 2018 abbiamo rilasciato 1.211 ordinanze relative a manifestazioni, traslochi, iniziative. Oltre 200 in più rispetto al 2017, questo dà una idea di città dinamica” afferma Coccia. “Nel 2018 abbiamo rilasciato 322 nuovi contrassegni per disabili per un totale di 1.960 contrassegni per disabili. Nel 2018 sono aumentare le infrazioni proprio per sosta abusiva sugli spazi dei disabili. Anche il numero di passi carrabili è aumentato, da 60 a 100, per un totale di 5-438 passi carrabili”.

Sono aumentati gli atti di polizia giudiziaria eseguiti anche se nel 2018 la Procura ha innovato il sistema di segnalazione che adesso è una procedura informatica.

Gli incidenti stradali da 139 a 143 senza feriti, d 147 a 192 con feriti, mortali da 1 a 2: “Numeri in controtendenza rispetto agli ultimi anni, considerando che noi siamo inseriti nel Piano Territoriale di Controllo e abbiamo l’obbligo di rilevare dalle 8 alle 20 tutti gli incidenti stradali”.

Riguardo la sosta, sono stati aumentati i controlli con assunzione di due nuovi ausiliari del traffico per un totale di 26.874 mentre nel 2017 furono 21.181, più di 5.500 accertamenti in più. Di queste 4.200 in più quelli accertati dagli ausiliari del traffico soprattutto per la verifica dei parcheggi su aree blu. Questi numero li abbiamo ottenuti nonostante che per 6 mesi la videocamera in via San Martino non ha lavorato. Oltre 12 mila sono le soste rilevate dagli ausiliari. Mentre le infrazioni per semaforo rosso sono scese a 603, quasi 900 in meno.

Molte sanzioni sono state rilevate nell’area pedonale per parcheggi abusivi notturni.

Riguardo le questioni urbanistiche e ambientali, grazie alle Guardie Ambientali, sono raddoppiate le multe per le deiezioni canine (da 25 a 51) e per il conferimento dei rifiuti, in tutte le zone della città (da 28 a 58). Un altro aumento ha riguardato la rimozione dei velocipedi in stato di abbandono, da 5 a 15.

Sono aumentate anche le sanzioni per edifici un po’ cadenti e intimiamo di mettere in sicurezza gli edifici, passati da 10 a 21. Per lo smaltimento dell’eternit i controlli sono passati da 10 a 18.

In tema di Protezione Civile, Giuseppe Brutti spiega: “Oggi i cittadini sono obbligati a mettere in pratica quello che gli dice la Protezione Civile. Faremo un corso base di Protezione Civile aperto a tutta la cittadinanza e un campo scuola”


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.