grazie all’archivio storico di Pino Perotti

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I presagi non sono dei migliori ma nel calcio non si sa mai. La Samb che si avvicina alla sfida di domenica (ore 14 e 30)  contro il Sudtirol non vive la sua settimana migliore, dovendo fare la conta degli arruolabili per la partita tra squalifiche (Calderini) e infortuni (Di Pasquale, Stanco, Biondi, Russotto, Bove e non solo).

Ma a guardare i precedenti non c’è da stare parimenti allegri. Sono tre le partite storiche al Riviera contro gli altoatesini, che hanno assunto la denominazione Sudtirol dal 1995 quindi sono una squadra “giovane”. E in casa la Samb non ha mai vinto. Il primo, storico, precedente è quello del 2001-2002. Serie C 2: la Samb di Soncin e di quel Valerio Quondamatteo che domenica siederà in panchina come secondo di Roselli, perse 2-1 con un gol-beffa di Noselli arrivato al 91° minuto. E pensare che proprio Andrea Soncin aveva portato in vantaggio i rossoblu nel primo tempo, prima del pareggio firmato da Lomi e poi, come detto, il sorpasso in extremis.

Quella stagione e l’incrocio col Sudtirol, però, restano pezzi di storia anche per un altro motivo. La gara di ritorno, infatti, disputata nel febbraio del 2002 e persa per 3-0 in trasferta dai rossoblu, segnò l’esonero dell’allora mister Enrico Nicolini e contestualmente il debutto in panchina di Stefano Colantuono, uno degli allenatori nel Pantheon della storia rossoblu, la settimana successiva.

Gli altri precedenti contro il Sudtirol, invece, sono tutti legati all’era Fedeli. Dal pareggio casalingo (2-2) del 2016-2017 (in trasferta nel marzo successivo però la vendetta con un 5-2 e un poker di Leonardo Mancuso) alla sconfitta per 1-0 dell’8 novembre 2017 che costò la panchina a Francesco Moriero (al ritorno, invece, con Capuano fu 1-1 a Bolzano).

Samb-Sudtirol del 2016, in foto Luca Lulli e Lorenzo Sorrentino

Se vogliamo, però, sforzarci di trovare un qualche precedente che faccia sorridere i rossoblu dobbiamo andare alla stagione 1954-1955. La Samb allenata da Alfredo Notti riuscì a battere a San Benedetto il Bolzano che possiamo anche considerare l’antesignano del Sudtirol che ha sede sempre nella stessa città sebbene, dal nome, si prefigge chiaramente  di rappresentare tutto l’Alto Adige. Era precisamente il 19 dicembre del ’54, praticamente 64 anni fa esatti, e la Samb si impose per 6 a 1 al Ballarin.

Intanto, uno dei precedenti col Sudtirol è legato proprio all’arbitro designato stamane per la sfida di domenica. Il fischietto Francesco Meraviglia di Pistoia ha infatti diretto proprio la sfida dello scorso anno a Bolzano fra Samb e altoatesini finita 1-1 (segnò Mattia per i rossoblu). Gli altri precedenti con il direttore di gara, poi,  parlano di una vittoria in serie D (a Campobasso per 0-1 nel 2015 con gol di Sabatino) e un altro pari, 1-1 in casa, nel 2017 contro il Lumezzane.

 

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.