SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di Seguito un comunicato stampa a firma di Antimo Di Francesco.

“Ascoli Piceno e San Benedetto sono sostanzialmente assenti alla Bit di Milano, il principale evento italiano in materia di turismo, il luogo dove un’ora di evento davanti a stampa e operatori del settore vale oro colato. Soltanto il professor Stefano Papetti ha partecipato all’incontro «Viaggio nella bellezza delle Marche: la marca Ascolana». Una presenza di indiscutibile spessore, ma del tutto insufficiente se si pensa a quello che hanno fatto altre realtà vicine, come i comuni del Fermano, che hanno inviato sindaci e una delegazione del palio dell’Assunta, oppure come il sindaco di Offida Valerio Lucciarini, pure lui presente per promuovere il suo borgo.

L’assenza istituzionale delle due principali città del Piceno stona e stride con i buoni propositi di crescita e sviluppo  turistico del nostro territorio, e indirettamente conferma la sudditanza del sindaco di San Benedetto rispetto a quello di Ascoli, ormai questo è un dato politico oggettivo ed incontrovertibile. Manca una strategia  coordinata ed efficace tra l’entroterra e la costa, non si ragiona in termini di  territorio come invece dovrebbe essere  ed a prevalere allora è sempre il più politicamente furbo Guido Castelli sul sempre più spaesato Pasqualino Piunti: difficile da accettare, ma la cifra politica del centrodestra evidentemente è questa.

L’impressione è che i due sindaci abbiano deciso di non dare importanza e valore ad un evento di assoluta rilevanza rappresentato dalla Bit penalizzando il territorio probabilmente  per partecipare ai festeggiamenti del carnevale. In questo senso è comprensibile, nonché apprezzabile, che almeno per un giorno abbiano indossato una maschera”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 470 volte, 1 oggi)