GROTTAMMARE – Manca poco ormai alla 33a edizione del Festival nazionale dell’umorismo, che si svolge a Grottammare venerdì 4 e sabato 5 agosto, per la nuova direzione artistica di Savino Cesario.

Il conto alla rovescia è iniziato questa mattina dal Parco delle Rimembranze, dove è in corso l’allestimento del palco adatto ad accogliere gli ospiti e l’originale scenografia, che per la prima volta porta la firma dell’autore, musicista e showman milanese.

Nel corso della collaborazione ormai ventennale con il Festival di Grottammare, Cesario ha vestito i panni della spalla musicale, del presentatore, dell’autore e del regista. Quest’anno, raccoglie il testimone cedutogli da Enzo Iacchetti e prima ancora di Pepi Morgia con l’obiettivo di mantenere alto il nome del Cabaret, amoremio.

Nuovi i presentatori. Per la prima volta l’imitatrice Gabriella Germani solca il palco del Festival cabarettistico più longevo d’Italia. E’ la “prima” edizione anche per il co-conduttore, l’ex Iena Mauro Casciari (“Mi manda Rai Tre” e “Edicola Fiore”).

Dal Paese delle Meraviglie di Crozza arriva poi Silvano Belfiore collega di Cesario, nella colonna sonora del programma televisivo, da dove arriva pure l’autore dei testi Claudio Fois. Belfiore sarà l’ospite fisso insieme al cabarettista Andrea Di Marco.

Per venerdì 4 agosto, prima serata del Festival e prima prova dei sette cabarettisti ammessi alla finale del concorso per nuovi comici abbinato al Festival, sono attesi Paolo Cevoli e David Anzalone, mentre a ritirare il premio alla carriera Arancia d’oro sarà il romano Maurizio Battista.

Sabato 5 agosto, la tensione per la seconda e ultima prova dei finalisti in gara sarà stemperata dalla presenza di Elena Lia Ascione, vincitrice del concorso 2016, e poi ancora ospiti: l’attore conduttore e comico toscano Paolo Ruffini, Franco Rossi e i Corsari della Polka, in attesa della consegna dell’ Arancia d’oro a Gene Gnocchi.

Ventata di novità anche per la scenografia del Festival. Il Parco delle Rimembranze, infatti, viene immerso in un cantiere pubblico, che simboleggia la ricostruzione di un territorio devastato dal sisma. Su idea del direttore artistico l’ambiente viene valorizzato, tanto da diventare un messaggio di ricostruzione post terremoto dedicato ai luoghi maggiormente colpiti dal sisma. Se ne occuperà la giovane scenografa Valentina Branella.

“Cabaret, amoremio!” è una produzione del comune di Grottammare-Assessorato alla Formazione e ai Talenti, organizzata con la collaborazione di Amat e ass. Lido degli Aranci, che si regge anche sul lavoro di molti volontari, appassionati del genere e sostenitori di un progetto culturale più che trentennale, a cui è affidato il nome della Città.

Da semplice spettatore, l’imprenditore veneto Ezio Parro è diventato lo sponsor principale della 33a edizione e ne spiega il perché: “La molla che è scattata è fatta di tante piccole cose – dichiara l’AD della Linergy di Acquaviva Picena -, sono qui da 13 anni e gestisco un’azienda che tra l’altro a breve trasferirò proprio nel comune di Grottammare. Qui ci abito ed è un luogo che mi piace e mi trovo bene, il Festival lo conosco perché lo guardo ogni anno da quando sono qui, è una bella manifestazione e, conoscendo i problemi in cui versano oggi le amministrazioni locali, ho deciso di dare il mio contributo e mi sono fatto avanti perché credo che anche un’azienda debba avere un ruolo sociale e non debba ignorare quello che ha attorno”.

Sostengono il Festival anche Picenambiente spa e Camera di commercio di Ascoli Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 178 volte, 1 oggi)