ANCONA – “Il crollo del ponte sull’A14, in cui il 9 marzo morirono Emidio Diomede e Antonella Viviani di Pagliare del Tronto e rimasero feriti tre operai, è ancora una volta la dimostrazione tragica che gli adempimenti in materia di sicurezza nei cantieri edili sono impostati quale espressione burocratica e mera produzione e adempimento di oneri formali senza considerare che una vera pianificazione della sicurezza esige il rispetto anche della vita esterna al cantiere edile e in particolare degli utenti, cittadini, collettività che possono essere messi in pericolo dalla gestione del cantiere, come purtroppo è accaduto nel caso concreto”.

E’ una delle conclusioni della Commissione Parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, presieduta dalla senatrice Camilla Fabbri (Pd).

La Commissione, che ha raccolto documentazione e ascoltato vari testimoni, rileva anomalie e carenze per la catena degli appalti (“il punto debole della programmazione della sicurezza”), la progettazione e l’esecuzione dei lavori e la gestione dell’emergenza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 538 volte, 1 oggi)