PORTO SAN GIORGIO – La mattina del 5 gennaio un uomo di 32 anni residente nel Fermano e molto conosciuto per la professione di insegnante, mentre procedeva sul lungomare di Porto San Giorgio alla guida della propria autovettura veniva violentemente tamponato da un’auto di grossa cilindrata il cui conducente si dava alla fuga omettendo anche di prestargli soccorso.

Il professore, rimasto contuso nel sinistro,  dopo le cure mediche presso il Pronto Soccorso di Fermo denunciava l’accaduto alla Polizia Stradale fornendo solo la targa parziale e il colore dell’auto pirata.

Un’intensa attività investigativa degli uomini della Polizia Stradale di Fermo, sebbene in possesso di pochi elementi, con il contributo delle varie telecamere di sorveglianza posizionate in zona, hanno identificato e rintracciato il veicolo ed il pirata della strada che ormai braccato per sviare le indagini provocava un altro incidente in zona Porto Sant’Elpidio al fine di giustificare gli ingenti danni sulla propria autovettura.

La messa in scena non ha tratto in inganno la Polstrada che ha denunciato il conducente pugliese per omissione di soccorso,  segnalandolo inoltre, per la sospensione della patente di guida.

Purtroppo il fenomeno della fuga a seguito di incidenti stradali e sempre più frequente nel territorio, la prima settimana dell’anno nuovo vede già tre episodi di sinistri tutti con fuga. La Polizia Stradale è già sulle tracce dei pirata che a breve saranno identificati e denunciati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 445 volte, 1 oggi)