SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riportiamo e pubblichiamo un comunicato, giunto in redazione, da parte di “Orgoglio Civico”.

Orgoglio Civico esprime il proprio giudizio sulle chiusure o i ridimensionamenti indiscriminati dei servizi e delle strutture pubbliche, in difesa proprio al principio che i cittadini pagano le tasse anticipatamente sia nei piccoli paesi che nelle grandi città.

Per cui annunciare assunzioni di personale in sanità, per garantire la copertura di pensionamenti e normale turn over, senza le quali si chiuderebbe e basta, non sta a significare che il cittadino di questa zona otterra’ un incremento qualitativo alla pari dei cittadini delle città capoluogo come Ancona , Macerata , Fermo (vedi specialistiche assenti per il sud Marche come neurochirurgia -cardiochirurgia- ); anzi sembra più interessare la sostituzione di personale dirigente coordinatore appetibile, piuttosto che guardare ad un ampliamento dell’offerta qualitativa, facendo credere in tutto cio’ a chissà quale cambiamento epocale.

Pertanto la linea Regionale sulla sanità non cambia: spazio al privato più che in ogni altra cittadina regionale; abbattimento delle liste di attesa grazie ai servizi di Pronto Soccorso; via libera ai lavori infiniti nelle ristrutturazioni interne Ospedaliere; partitocrazia a piu’ non posso nella pastoia sanitaria; progetto di chiusura del nosocomio sambenedettese a lenta gittata con centralizzazione nel capoluogo di Provincia. Della serie cambiamo tutto per non cambiare nulla sotto gli attenti occhi dell’attuale sindaco che per opporsi a tutto mette in campo la foglia di fico della commissione sanità.   

In ambito amministrativo locale dopo i fatidici sforati cento giorni per i quali non abbiamo elementi per esprimere un giudizio, siamo in attesa di conoscere il nuovo programma amministrativo sotto l’egida della discontinuità che, ci auguriamo, parta dal rilancio economico della città; da una diversa gestione della manutenzione della città, compresa la raccolta rifiuti, tutto cio’ non relegabile ad interventi intermediari puntuali del politico di turno, con chiari finalità elettorali, piuttosto per fornire un servizio invece puntualmente programmato quindi erogato e garantito dai dirigenti ed uffici preposti.

Anche qui la tassazione anticipatamente versata dal cittadino non puo’ subire la vessazione di un intraprendente favore politico ma deve ottenere la garanzia di una trasparente programmazuone. Si enfatizzano le rotazioni dirigenziali, alcune previste per legge, comunque tipiche e ricorrenti in ogni amministrazione insediata. Allora?? Dove sta la novità ? Cosa ci guadagna il cittadino in tutto questo? Un miglioramento, per quanto dovuto, dei servizi? Occorre dimostrarlo prima di ogni beatificazione mediatica venduta come fumo negli occhi piuttosto che come efficacia di un servizio erogato.

Sanità Istruzione Sicurezza e Servizi Amministrativi rappresentano i capisaldi frutto delle tassazioni ma spesso vittime di soldi pubblici mal gestiti.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 193 volte, 1 oggi)