SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una ricorrenza tragica scolpita nella mente e nel cuore di tutti i cittadini sambenedettesi. Era il 7 giugno 1981 quando, nei gradoni della Curva Sud dello stadio Fratelli Ballarin, divampò un incendio che, oltre a procurare ustioni e ferite su un gran numero di tifosi, condusse poi alla morte di due giovani tifose della Sambenedettese Calcio, Maria Teresa Napoleoni, 23 anni, e Carla Bisirri, 21.

La curva era stipata di tifosi, perché quella era la partita conclusiva del campionato di Serie C, Samb-Matera, che avrebbe ricondotto i rossoblu in Serie B.

Sono passati 35 anni ma è giusto ricordare quelle vittime innocenti e manifestare, ancora oggi, la propria parte di dolore per quanto accaduto, stringendosi alle famiglie di Maria Teresa e Carla.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 828 volte, 1 oggi)