FERMO – Sabato 28 maggio, presso lo stadio di Atletica di Fermo, in occasione della seconda ed ultima fase dei Campionati regionali di società Cadetti e Cadette, Emma Silvestri ha stabilito il nuovo record italiano nei 1200 siepi con 3’45”57, polverizzando il precedente primato di 3’48”10 di Giulia Leonardi.

La Silvestri ha dovuto fare tutto da sola, in completa solitudine, con le avversarie irrimediabilmente distanziate, sostenuta dall’incitamento delle compagne e dei compagni oltre che dalle sue due allenatrici Anna Mancini e Patrizia Bruni. Non paga dell’exploit sui 1200 siepi, il giorno seguente, benché visibilmente affaticata dalla gara del sabato, Emma Silvestri ha siglato la migliore prestazione italiana dell’anno Cadette sui 300 metri con 40”65, confermando di essere davvero inarrestabile.

Il week end di gare ha dato tantissime altre soddisfazioni ai dirigenti ed i tecnici degli Orange: basti pensare all’eccellente 3,70 ottenuto nel salto con l’asta da Edoardo Giommarini, allenato da  Giuseppe Giorgini, misura che costituisce il record sociale assoluto e terza prestazione nazionale dell’anno di categoria, e al 40”57 ottenuto da Alessandro Caccini al suo esordio sui 300 ostacoli, secondo crono nazionale Cadetti della stagione. Sasha, questo è il suo soprannome, si è poi migliorato nel salto in alto con 1,66, giungendo secondo alle spalle dell’osimano Zalappa.

Da segnalare inoltre la netta vittoria di Emanuele Mancini nei 100 ad ostacoli con 14”56, il secondo posto di Alessio Patrizi nei 1200 siepi con 4’02”88 e della staffetta 4 x 100, il terzo posto di Stefano Cugnigni nel salto triplo con 11,45 e la sesta piazza di Davide Marsicano nei 1000 metri con 2’59”43, tutte prestazioni da personal best.

Tra le Cadette, oltre alle due vittorie della Silvestri, piazza d’onore per Alessia Mancini nel disco con 21,98, Isabel Ruggieri nei 300 ostacoli con 52”19 e Lara Prosperi nei 1000 metri con 3’11”96.

Nel week end si è inoltre svolta, sempre a Fermo, la prima tappa del Campionato 5 Cerchi della Categoria Ragazzi/e che ha visto la realizzazione di due nuovi record sociali a livello femminile: Irene Pagliarini ha corso i 60 metri in 8”72, giungendo terza e cancellando il record di Elena Bruni che durava da 10 anni, mentre Antea Pagnanelli, dopo aver ottenuto un ottimo 9”88 nei 60 metri ad ostacoli, ha saltato 1,46 nel salto in alto, 5 cm di più del precedente record che apparteneva a Giulia Cavezzi.

Da segnalare inoltre la vittoria della Staffetta 4 x 100 delle Ragazze grazie alle ottime frazioni di Irene Pagliarini, Antea Pagnanelli, Ophelia Pallotta e di Giorgia Di Salvatore, quest’ultima argento nel peso e quarta nei 60 ad ostacoli con il personal best di 10”34. Tra i Ragazzi ben quattro podi ottenuti da Daniele Rossi: argento nel peso e nella 4 x 100 e bronzo nell’alto e nei 60 ad ostacoli, stesso metallo conquistato da Simone Angelini nei 60 metri.

L’eccellente prova corale ha portato ad un risultato straordinario ma anelato: la vittoria della Collection Atletica Sambenedettese del Campionato di società regionale sia nella categoria Cadetti che tra le Cadette. Una leadership regionale incontrastata: basti pensare che le Cadette hanno vinto 11.057 punti con ben 1263 punti di distacco sulla seconda classificata SAF Atletica Fermo. Inoltre va ricordato che, dopo la prima fase, i Cadetti e le Cadette sono anche al comando sia nel Campionato regionale di società di staffette che in quello di prove multiple.

Si prospetto pertanto un risultato epocale: la vittoria di tutti i Campionati di società regionali previsti nel calendario all’aperto nelle categorie Cadetti e Cadette. Se ciò dovesse avvenire, ci troveremmo di fronte al compimento di una delle imprese più importanti della storia dell’atletica sambenedettese, anche grazie al lavoro svolto dai tecnici e dal Presidente Vinicio Ruggieri e dal suo vice Stefano Cavezzi.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 237 volte, 1 oggi)