FERMO – Il Tribunale di Fermo, su proposta della Questura, ha applicato in data 19 aprile la misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale nei confronti di P.C., 33enne residente a Porto Sant’Elpidio già gravato da provvedimenti di avviso orale emessi dalla Questura negli anni 1998 e 2012. La notifica della suddetta misura, contenente anche le prescrizioni di cui ai commi 4 e 6 dell’ art.8 del Decreto Legislativo 2011 nr.159, è avvenuta a cura della Casa Circondariale di Pesaro dove il prevenuto si trova attualmente detenuto per reati contro la persona ed il patrimonio e la cui esecuzione avverrà a cura del commissariato di Polizia di Fermo all’atto della scarcerazione. Nei casi della sorveglianza speciale attesa l’afflittività del provvedimento è addirittura previsto l’arresto fuori dai casi di flagranza. Fra le prescrizioni imposte, oltre l’obbligo del soggiorno a Porto Sant’Elpidio è stato prescritto a P.C la permanenza notturna, il divieto di associarsi a pregiudicati, di rispettare le leggi e di darsi alla ricerca di un’attività lavorativa.

Per quanto concerne, inoltre, la Provincia di Fermo dall’inizio del corrente anno il Questore Mario della Cioppa, nell’ambito delle iniziative intraprese nel settore del controllo del territorio dirette ad ottimizzare le condizioni di sicurezza di entrambi i comprensori, ha adottato, anche su proposta dell’Arma dei Carabinieri 33 misure di prevenzione nei confronti di soggetti pregiudicati o comunque ritenuti pericoli per l’ordine , la sicurezza e la tranquillità pubblica.

I nuovi moduli organizzativi sperimentali e l’orientamento strategico della pianificazione dei conseguenti servizi, anche sulla scorta di una specifica e mirata analisi degli indici di delittuosità registrati nei territori mediante consultazione del sistema informatico GEOCOPE, ossia di georeferenzazione dei reati, ha contribuito ad implementare gli effetti della prevenzione e repressione in genere i  cui risultati,  sotto il profilo dell’ emanazione dei suddetti provvedimenti amministrativi, curati dalla Divisione Anticrimine della Questura, sono i seguenti:

Sorveglianze Speciali: 2

Avvisi orali: 6

Divieti di ritorno: 25

I divieti di ritorno hanno prevalentemente riguardato soggetti di etnia rom dediti all’accattonaggio,  pregiudicati per reati predatori o comunque trovati in possesso di chiavi o grimaldelli o arnesi atti allo scasso, individuati nel corso della intensificazione dei dispositivi di prevenzione diretti al contrasto dei delitti predatori ed attuati, anche con il concorso dei Reparti Prevenzione Crimine effettuati con particolate riguardo ai centri di Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 241 volte, 1 oggi)