SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La “prova costume” che investe noi comuni mortali in vista dell’estate, è quasi niente rispetto alla “prova bimbo”, che devono superare con successo le spiagge per garantirsi la “bandiera verde”. Che insieme al II Convegno Nazionale sul tema di sabato 16 aprile presso la sede comunale di San Benedetto “è un importante vetrina in termini di marketing, per una città che vive di turismo”, come sottolinea Andrea Perugini, direttore dell’Associazione Albergatori “Riviera delle Palme”.

L’importante riconoscimento viene assegnato dal 2008 alle località marine italiane con caratteristiche adatte ai bambini, mediante una ricerca ideata e condotta dal pediatra e presidente Italo Farnetani.

A differenza della più nota “bandiera blu”, dove sono le città ad autocandidarsi, “dal 2013 la ‘verde’ prevede una selezione esterna, attraverso un’indagine portata avanti da un campione di pediatri, a titolo gratuito. Quest’anno sono stati 196, ben 2.105 fino ad oggi: il 15% dei 14.000 attivi, un dato importante”, spiega l’ideatore.

I requisiti da soddisfare sono tutti a misura di bambino: presenza di spiaggia con sabbia, spazio tra gli ombrelloni per giocare, acqua che non diventi subito alta per consentire maggiore sicurezza, presenza di assistenti di spiaggia, attrezzature dedicate, nonché opportunità di divertimento per i genitori (negozi, ristoranti, bar, strutture sportive).

Nel 2016 sono state promosse a pieni voti ben 134 perle costiere, tra cui spiccano San Benedetto e Grottammare. Cosa ottima, vista pure la contiguità.

La prima non stupisce visto che è sempre stata una presenza costante. “Nel 2008, quando veniva formulata anche una graduatoria ed erano soltanto 10 le località selezionate in tutta Italia, era addirittura nella top-five”, ricorda la giornalista Laura Ripani.

Grottammare è invece una novità, così come altre 3 marchigiane (Sirolo, Fano e Pesaro), che portano le Marche a +4 rispetto al 2015, e le ritagliano un posto di tutto rispetto agli occhi dei più piccini, piazzando ben 11 località come la Toscana.

La notizia è stata accolta con entusiasmo dalla “Perla dell’Adriatico”, che da tempo ci sperava: “Fanno piacere le parole di elogio alla nostra riviera rivolte direttamente dal Prof. Farnetani, il quale ha riconosciuto nella nostra spiaggia un luogo ideale per le famiglie che decidono di trascorrere con noi le loro vacanze. Finalmente la sensibilità dimostrata negli anni dalla nostra programmazione ha trovato il proprio riconoscimento in questo premio che, come sempre non rappresenta per noi un punto di arrivo ma motivo di impegno a migliorare ulteriormente la qualità dei servizi offerti dalla nostra Città a cittadini e turisti”, dichiarano Daniele Mariani, Assessore alla Sostenibilità Ambientale, e Clarita Baldoni, Assessore all’Inclusività.

Buona annata il 2016 per le Marche, ma fanno meglio Sicilia, Sardegna e Calabria con 16 e la Puglia con 12, tra le quali c’è anche Otranto, quest’anno il borgo più ricercato online. Ma per tirare “il mare” al nostro mulino, pensiamo pure che 2 sono penisole e le altre 2 isole. Le quali tra l’altro, cosa piuttosto curiosa, ormai scelgono noi: “Dobbiamo ringraziare Farnetani per la visibilità che sta dando alla nostra città. Per esempio abbiamo ricevuto tantissime richieste da Sicilia e Sardegna, che proprio non ci aspettavamo”, conferma Perugini dell’AssoAlbergatori.

Niente male il vicino Abruzzo: con 8 bandiere verdi, guadagna 2 posizioni rispetto al 2015 grazie alle new entry Pescara e Pineto-Torre Cerrano, le quali danno manforte alle confermate Giulianova, Roseto, Silvi, Tortoreto, Montesilvano e Vasto Marina.

“Sono presenti in ogni regione italiana con sbocco al mare – aggiunge Farnetani – L’Italia è oggi l’unica nazione al mondo ad avere una mappa turistica dedicata ai bambini realizzata dai pediatri secondo criteri scientifici. Un’altra rivoluzione delle ‘bandiere verdi’ è quella di aver restituito la centralità ai bambini in vacanza. Infatti il nostro obbiettivo non era di portarli in una determinata città, ma di offrire un servizio ai genitori”.

A questo punto ci si potrebbe chiedere come mai Grottammare sia stata premiata solo quest’anno, pur essendo per esempio più silenziosa e tranquilla di San Benedetto, aspetti che intuitivamente porterebbero a considerarla più adatta ai bambini.

“La scelta ha una motivazione scientifica – spiega Farnetani – perché il bambino e l’adolescente hanno bisogno di stare in mezzo alla gente, al rumore, alle offerte di divertimento turistiche. Dopo i 3 anni il bambino ha bisogno di aggregarsi con i coetanei invece che restare isolato: solo in mezzo alla gente può incontrare nuovi amici. La ricezione di stimolazioni acustiche, sonore, di nuovi volti, persone e voci, perciò anche della confusione, per i bambini e gli adolescenti è importante perché fornisce stimolazioni indispensabili per lo sviluppo del sistema nervoso. Persino gli stessi genitori si divertono di più con loro, che a restare in un luogo silenzioso. A parte la bellezza dei posti, le città più frequentate e animate offrono maggiori stimolazioni e sono preferibili”.

Di certo quelle polisensoriali non mancheranno durante l’evento di sabato, dove le “nostre” giovani leve daranno il meglio di sé con l’orchestra e lo spettacolo musicale curato dalla Scuola “Mario Curzi”, come anticipa la preside dell’ISC “Centro” Laura D’Ignazi.

“Hanno già confermato la partecipazione circa 100 sindaci: sarà davvero una giornata importante con tutte le personalità che interverranno, oltre che una bella opportunità per tutti a prenderne parte. Considerando poi che le testate locali delle 134 città invitate ne parleranno, sarà per noi un’ottima pubblicità nel momento ideale, visto che siamo all’inizio della stagione”, concludono soddisfatte Laura Ripani e Anna Marinangeli, direttrice dell’ufficio “Turismo e Cultura”.

Ora che i servizi “a prova di bimbo” ci sono, e la buona pubblicità (quasi) pure, speriamo di continuare in futuro a percorrere una strada così proficua per il nostro turismo, di cui le bandiere verdi sono solo il traguardo di una piccola tappa.

Tanto meglio se già da ora i più piccini – sperando che Farnetani non ci senta – riescano nel “colpaccio” che un tempo è sfuggito a noi: trascinare loro in vacanza i genitori dove preferiscono. In due città fatte su misura: in cui sventola “bandiera verde”.

A San Benedetto e Grottammare, per esempio.

 

PROGRAMMA

16 Aprile 2016, Comune di San Benedetto del Tronto (V.le De Gasperi, 124)

II Convegno Nazionale delle Bandiere Verdi

Con la
Medaglia del Presidente della Repubblica
e il patrocinio di:
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Ministero della Salute
Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Società Italiana di Pedriatria Preventiva e Sociale

Presidente: Italo Farnetani

ore 9.00
Arrivo dei Sindaci dei Comuni italiani insigniti della “Bandiera verde” 2016

ore 9.15
Esecuzione dell’Inno Nazionale
Orchestra dell’Istituto Scolastico Comprensivo “Centro” di San Benedetto del Tronto
Scuola Secondaria di Primo Grado “Mario Curzi” – Indirizzo musicale

Saluti
Giovanni Gaspari (Sindaco del Comune di San Benedetto del Tronto)
Italo Farnetani (Presidente del Convegno)

Esecuzione di brani tratti dalle colonne sonore di film di animazione di Walt Disney
Orchestra dell’Istituto Scolastico Comprensivo “Centro” di San Benedetto del Tronto
Scuola Secondaria di Primo Grado “Mario Curzi” – Indirizzo musicale

ore 10.00
Tavola rotonda: “Il bambino al mare: spiaggia e salute”

Conduce: Laura Ripani (giornalista)

Intervengono:
Giuseppe Di Mauro (Pedriatra, Presidente nazionale della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale)
Francesca Farnetani (Dermatologa, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia)
Angelo Tummarello (Pediatra, Consigliere sez. Sicilia della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale)
Italo Farnetani (Pediatra, Coordinatore e ideatore della ricerca sulle “Bandiere verdi)

Esecuzione del canto in vernacolo sambenedettese “Nuttate de luna”
Coro Folk dell’Istituto Scolastico Comprensivo “Centro” di San Benedetto del Tronto
Scuola Secondaria di Primo Grado “Mario Curzi”

Il coro ringrazia, saluta ed esce dall’emiciclo

A seguire
Cerimonia di consegna delle “Bandiere verdi” 2016
Presiede: Italo Farnetani
Conduce: Laura Ripani (giornalista)

A seguire
“Bandiere verdi”: una nuova geografia turistica
Ogni sindaco illustra le caratteristiche della sua località

ore 13.00
Conclusione

BANDIERA VERDE 2016

Spiagge premiate per regione: Calabria, Sardegna e Sicilia (16), Puglia (12), Marche e Toscana (11), Campania ed Emilia Romagna (10), Lazio (9), Abruzzo (8), Veneto (6), Liguria (4), Basilicata e Friuli Venezia-Giulia (2), Molise (1).

Elenco delle 134 città premiate

MARCHE (11) – in corsivo le 7 vincitrici nel 2015, tutte riconfermate
Ascoli Piceno: Grottammare, San Benedetto del Tronto.
Fermo: Porto San Giorgio.
Macerata: Civitanova Marche, Porto Recanati.
Ancona: Numana Alta-Bassa Marcelli Nord, Senigallia, Sirolo.
Pesaro-Urbino: Fano-Nord-Sassonia-Torrette/Marotta, Gabicce Mare, Pesaro.

ABRUZZO (8) – in corsivo le 6 vincitrici nel 2015, tutte riconfermate
Teramo: Giulianova, Pineto-Torre Cerrano, Roseto degli Abruzzi, Silvi Marina, Tortoreto.
Pescara: Montesilvano, Pescara.
Chieti: Vasto Marina.

BASILICATA (2): Maratea (Potenza), Marina di Pisticci (Matera).

CALABRIA (16): Bova Marina (Reggio Calabria), Bovalino (Reggio Calabria), Capo Vaticano (Vibo Valentia), Cariati (Cosenza), Cirò Marina-Punta Alice (Crotone), Isola di Capo Rizzuto (Crotone), Locri (Reggio Calabria), Melissa – Torre Melissa (Crotone), Mirto Crosia -Pietrapaola (Cosenza), Nicotera (Vibo Valentia), Palmi (Reggio Calabria), Praia a Mare (Cosenza), Roccella Jonica (Reggio Calabria), Santa Caterina dello Ionio Marina (Catanzaro), Siderno (Reggio Calabria), Soverato (Catanzaro).

CAMPANIA (10): Agropoli – Lungomare San Marco, Trentova (Salerno), Ascea (Salerno), Centola-Palinuro (Salerno), Ischia: Cartaroma Lido San Pietro (Napoli), Marina di Camerota (Salerno), Pisciotta (Salerno), Pollica – Acciaroli, Pioppi (Salerno), Positano – Spiagge: Arienzo, Fornillo, Spiaggia Grande (Salerno), Santa Maria di Castellabate (Salerno), Sapri (Salerno).

EMILIA ROMAGNA (10): Bellaria-Igea Marina (Rimini), Cattolica (Rimini), Cervia-Milano Marittima-Pinarella (Ravenna), Cesenatico (Forlì Cesena), Gatteo – Gatteo Mare (Forli – Cesena), Misano Adriatico (Rimini), Ravenna – Lidi Ravvenati (Ravenna), Riccione (Rimini), Rimini, San Mauro Pascoli – San Mauro mare (Forlì-Cesena).

FRIULI-VENEZIA GIULIA (2): Grado (Gorizia), Lignano Sabbiadoro (Udine).

LAZIO (9): Anzio (Roma), Formia (Latina), Gaeta (Latina), Lido di Latina (Latina), Montalto di Castro (Viterbo), Sabaudia (Latina), San Felice Circeo (Latina), Sperlonga (Latina), Ventotene – Cala Nave (Latina).

LIGURIA (4): Finale Ligure (Savona), Lavagna (Genova), Lerici (La Spezia), Noli (Savona).

MOLISE (1): Termoli (Campobasso).

PUGLIA (12): Fasano (Brindisi), Gallipoli (Lecce), Ginosa – Marina di Ginosa (Taranto), Marina di Pescoluse (Lecce), Marina di Lizzano (Taranto), Melendugno (Lecce), Ostuni (Brindisi), Otranto (Lecce), Polignano a Mare – Cala Fetente – Cala Ripagnola – Cala San Giovanni (Bari), Porto Cesareo (Lecce), Rodi Garganico (Foggia), Vieste (Foggia).

SARDEGNA (16): Alghero (Sassari), Bari Sardo (Ogliastra), Cala Domestica (Carbonia-Iglesias), Capo Coda Cavallo (Olbia-Tempio), Carloforte – Isola di San Pietro: La Caletta – Punta Nera – Girin – Guidi (Carbonia-Iglesias), Castelsardo-Ampurias (Sassari), Is Aruttas – Mari Ermi (Oristano), La Maddalena: Punta Tegge-Spalmatore (Olbia-Tempio), Marina di Orosei-Berchida-Bidderosa (Nuoro), Oristano – Torre Grande (Oristano), Poetto (Cagliari), Quartu Sant’Elena (Cagliari), Santa Giusta (Oristano), San Teodoro (Nuoro), Santa Teresa di Gallura (Olbia Tempio), Tortolì – Lido di Orrì, Lido di Cea (Ogliastra).

SICILIA (16): Balestrate (Palermo), Campobello di Mazara – Tre Fontane – Torretta Granitola (Trapani), Casuzze-Punta secca-Caucana (Ragusa), Cefalù (Palermo), Giardini Naxos (Messina), Ispica-Santa Maria del Focallo (Ragusa), Marina di Lipari-Acquacalda-Canneto (Messina), Marina di Ragusa (Ragusa), Marsala – Signorino (Trapani), Mondello (Palermo), Playa (Catania), Porto Palo di Menfi (Agrigento), Pozzallo – Pietre Nere, Raganzino ( Ragusa), San Vito Lo Capo (Trapani), Scoglitti (Ragusa), Vendicari (Siracusa).

TOSCANA (11): Bibbona (Livorno), Camaiore – Lido Arlecchino-Matteotti (Lucca), Castiglione della Pescaia (Grosseto), Follonica (Grosseto), Forte dei Marmi (Lucca), Marina di Grosseto (Grosseto), Monte Argentario – Cala Piccola – Porto Ercole (Le Viste) – Porto Santo Stefano (Cantoniera – Moletto – Caletta) – Santa Liberata (Bagni Domiziano – Soda -Pozzarello) (Grosseto), Pietrasanta – Tonfano, Focette (Lucca), Pisa – Marina di Pisa, Calambrone, Tirrenia (Pisa), San Vincenzo (Livorno), Viareggio (Lucca).

VENETO (6): Caorle (Venezia), Cavallino Treporti (Venezia), Chioggia – Sottomarina (Venezia), Iesolo– Jesolo Pineta (Venezia), Lido di Venezia (Venezia), San Michele al Tagliamento – Bibione (Venezia).

 

Info sulla “Bandiera Verde”: http://www.italofarnetani.it/pagine/bverde_articolo.html

 

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 935 volte, 1 oggi)