SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Grande attesa per Samb-Jesina, gara che potrebbe dare ai rossoblu la promozione matematica in Lega Pro. Un ritorno tra i professionisti che manca da sette anni, molto sofferti anche per le vicende societarie.

E’ davvero caccia al biglietto: terminati i tagliandi della Curva Nord, restano quelli della Tribuna, anche se molti tifosi chiedono l’apertura del settore sud che però è destinato ai tifosi ospiti (decisione appena ufficializzata: clicca qui). Domenica potrebbero esserci seimila spettatori, praticamente la capienza massima consentita ai tifosi di casa dagli attuali limiti posti al “Riviera delle Palme”.

E tra le migliaia di supporter rossoblu spiccherà quello di un gruppo di Filottrano, paese in provincia di Ancona, che sarà presente in otto unità. Ma non si tratta di una presenza casuale: in realtà Giorgio Petrini e diversi suoi amici seguono da anni la Samb, in casa e a volte anche in trasferta.

“La nostra passione nasce perché una volta che si entra nel Tempio del Tifo non si riesce più a farne a meno – ci dice Giorgio – Veniamo sempre a vedere la Samb, se non gioca la squadra del nostro paese, la Filottranese, se possibile in casa e se non lontanissimo anche in trasferta, come a Jesi, Recanati e Castelfidardo. Sinceramente non ricordo la prima partita che ho visto, perché oramai sono passati alcuni anni”.

“Molti tifosi di calcio delle nostre parti ci chiedono come mai seguiamo così la Samb, e noi rispondiamo sempre che ha un tifo da Serie A: alcuni di loro allora si lasciano convincere e vengono con noi, dopo di che capiscono quello che noi diciamo e vogliono sempre venire al Riviera delle Palme. Così il gruppo è cresciuto. Adesso ci aspettiamo un campionato di Lega Pro da protagonisti, speriamo di raggiungere i play off e sempre Forza Samb!” conclude.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.267 volte, 1 oggi)