SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Perde il controllo dello scooter, finisce contro un albero, batte la testa e viene trasportato d’urgenza all’ospedale di Sant’Omero. Ma mentre i sanitari prestano le prime cure allo sfortunato centauro, gli trovano addosso una pistola calibro 7.65 carica, più altri 4 proiettili nella tasca del giubbino.

A quel punto vengono avvisati i carabinieri e nei suoi confronti scatta l’arresto. Viktor Sharka, un albanese di 40 anni residente a Sant’Egidio, dovrà ora rispondere dell’accusa di porto d’armi da fuoco abusivo e detenzione di arma da fuoco modificata.

L’uomo, che nella caduta ha riportato un trauma con emoraggia, si trova ricoverato nell’ospedale di Teramo, piantonato dai carabinieri e, non appena le sue condizioni miglioreranno, dovrà comparire davanti al giudice per l’udienza di convalida.

I militari, dopo aver formalizzato l’arresto, hanno dato via anche ad una perquisizione domiciliare, rinvenendo un fucile con le canne mozzate e una ventina di cartucce.

L’albanese era già noto alle forze dell’ordine per una denuncia per maltrattamenti in famiglia che aveva portato all’allontanamento della moglie e dei figli, ora ospitati in una casa-famiglia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 577 volte, 1 oggi)