S. BENEDETTO DEL TRONTO – La storia incontra la tecnologia. Presentato  www.lemarcheelagrandeguerra.it, il sito che si propone di testimoniare il contributo delle Marche nel primo conflitto mondiale. La pagina è stata realizzata grazie al patrocinio della Provincia di Ascoli Piceno e al lavoro dell’associazione ex parlamentari delle Marche, dell’associazione ex consiglieri regionali delle Marche e del club incorreggibili ottimisti. “È un segnale popolare di attaccamento alla propria storia”commenta Pietro Paolo Menzietti.

Il nucleo essenziale del sito è la rilevazione delle 20 mila vittime marchigiane della grande guerra. I navigatori possono effettuare ricerche statistiche di ogni genere per nome, Provincia o Comune. Altre pagine consentono di accedere ad episodi che hanno visto protagonisti i marchigiani tra il 1915 e il 1918. È anche possibile accedere ad una sezione documentaristica con oltre  6 ore di filmati dell’Istituto luce e Cinehollywood.

“L’intento – spiega Menzietti – è avere una memoria permanente, accessibile a tutti e formata in modo collettivo”. L’ex deputato illustra poi quanto sia fondamentale guardare al futuro “anche le nuove generazioni devono sapere che la guerra non è una via percorribile”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 331 volte, 1 oggi)