SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una delegazione di circa 50 tra studenti e docenti provenienti da Francia, Spagna, Slovacchia, Turchia e Isola della Reunion, è stata ricevuta martedì 10 febbraio, in Municipio.

La delegazione è partner del progetto europeo “Comenius” dal titolo “Riding for Health and Green Planet” la cui quinta tappa si svolge a San Benedetto del Tronto dall’ 8 al 13 febbraio per l’organizzazione degli allievi e dallo staff di progetto dell’istituto di istruzione superiore “A. Capriotti” con il supporto del dirigente scolastico Elisa Vita. Obiettivo primario del progetto è quello di approfondire i benefici psico-fisici derivanti dall’utilizzo della bicicletta.

Ad accogliere ragazzi e professori e la dirigente Vita, l’assessore alla mobilità e politiche giovanili Luca Spadoni il quale, oltre a dare il benvenuto ai giovani, ha ricordato che San Benedetto è una città di mare quindi accogliente per sua natura e che i sambenedettesi sono persone storicamente propense all’integrazione.

Entrando nel merito del progetto, Spadoni ha spiegato: “San Benedetto negli ultimi quindici anni ha investito nella mobilità ciclistica. Ad oggi la città vanta oltre 13 km di piste ciclabili e stiamo lavorando su due progetti che porteranno ulteriori due km di piste a sud e 560 metri nel centro della città. Stiamo investendo anche sulla Ciclovia del Piceno, quella lunga arteria che collega San Benedetto, via Grottammare, a Cupra Marittima e auspichiamo di poter avvicinare sempre più i cittadini all’uso della bicicletta non solo nelle zone di svago, come il lungomare, ma anche nelle zone utili alle nostre esigenze di vita quotidiana: dalla banca alla posta, al luogo di lavoro. Obiettivo di questa Amministrazione – ha concluso Spadoni – è progettare reti di piste con percorsi senza interruzione permettendo così una “invasione urbana” della città da parte dei ciclisti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 315 volte, 1 oggi)