CUPRA MARITTIMA – La storica rassegna offre come ogni anno, al pubblico cuprense e non solo, una serie di appuntamenti di vero teatro e spettacolo.

Anche quest’anno il comitato organizzatore è il G.A.T. Avis, con il fondatore dell’evento Franco Regi e Emilio Lanciotti, Giandomenico Umberto, Graziano Cognigni, Primo Ricci e con la collaborazione degli assessori, Anna Maria Cerolini e Luca Vagnoni.

Il sindaco Domenico D’Annibali si dimostra entusiasta del successo che ha raccolto l’Inverno Teatrale negli anni dichiarando: “Nonostante le difficoltà che ogni anno si riscontrano, il gruppo storico organizzartore si è sempre impegnato fino in fondo, ogni volta, per rendere l’evento uno spettacolo teatrale ampiamente riconosciuto a livello regionale, amalgamando alcune compagnie di professionisti con altre di dilettanti. L’accoglienza è sempre più calorosa e lo dimostrano le numerose affluenze ogni anno. Questo lo si deve soprattutto al fatto che l’Inverno Teatrale, risulta essere non solo un momento di arte, ma anche di vera e propria socializzazione”.

Ricorda poi Franco Regi: “Quando fu fondata questa rassegna, creammo una formula ideale, cioè mostrare il teatro nei suoi diversi generi: dal teatro classico, alla tradizione dialettale, alla commedia brillante, al dramma. Un teatro dedito all’assortimento e alla varietà, anche perché una nostra prerogativa è sempre stata quella di offrire uno spettacolo che fosse un discorso culturale, creativo e organizzativo, e che coinvolgesse in primo luogo i cittadini cuprensi”.

Programma spettacoli:

30 gennaio

La compagnia Gli Aironi di Cupra marittima, composta per la maggior parte da giovani, presenta “Frankenstein Junior” in concomitanza con il 40imo anniversario dall’uscita al cinema. Un capolavoro di comicità contemporanea, tratto dall’omonimo film di Mel Brooks e Gene Wilder.

6 febbraio

L’associazione Picari di Macerata presenta “Le une e le altre”. Un piccolo viaggio nell’universo femminile esplorato attraverso la lente dell’ironia e un divertito sguardo tagliente.

13 febbraio

La compagnia La Quinta Dimensione di Porto San Giorgio porta in scena “Il paese degli onesti”, un’allegoria che utilizza un tema molto attuale, quello della disonestà, con dei suggerimenti su come evitare l’immoralità.

20 febbraio

La compagnia I Cocchi di Re Miseria di Porto d’Ascoli

mette in scena “Carmine Pascià” (tratto dal romanzo “Carmine Pascià, che nacque buttero e morì beduino” di Gian Antonio Stella). E’ la storia si un soldato partito con il regio esercito per la Libia con tutte le speranze che accomagnano la voglia di conquista della terra promessa, ma viene deluso dall’amara scoperta che la Libia è solo sabbia.

27 febbraio

Il Gruppo dell’Arco Fermano di Capodarco propone “Antò Mezzudente” di Vincenzo Cenciarelli (tradotto in fermano da Loredana Alidori). Esso rappresenta l’eterno problema del distacco dei figli dai genitori, in modo da poter vivere la propria vita.

6 marzo

La compagnia

Liberi Teatranti di Cupra Marittima propone “Perché non me lo avete detto prima?” ispirato a “Mettiteva a fa l’ammore cu me” di Eduardo Scarpetta. La storia si incentra

Su due coppie di innamorati che hanno dovuto escogitare mille sotterfugi prima di dichiarare apertamente il loro amore.

13 marzo

La compagnia La Nuova di Belmonte Piceno presenta “Morto un papa se ne fa ‘n atru” di Gabriele Mancini. Una commedia che vuol far riflettere su un tema molto delicato: la solitudine; tutto è trattato con delicatezza simpatia ed ironia.

Ingresso:

Intero 8 euro, ridotto (fino a 14 anni e oltre 65) 6 euro.

Abbonamento:

Intero 45 euro, ridotto 35 euro.

Per prenotazione e abbonamenti: Tabaccheria “Manuela Massarenti”, Piazza della Libertà, Cupra Marittima, telefono 0735 777350.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 693 volte, 1 oggi)