MONTEPRANDONE- La crisi attanaglia anche lo sport. Nonostante gli sforzi compiuti l’anno scorso e la salvezza conquistata in A2 l’Handball Club di Monteprandone sarà costretta ad iscriversi in serie B l’anno venturo. Mancano i soldi del principale main sponsor, ossia Troiani&Ciarrocchi, che per motivi economici hanno deciso di ritirare il loro appoggio per l campionato 2013-2014.I termini di iscrizione scadevano il 28 giugno, tutto lo staff ha provato sino all’ultimo a far giocare la squadra di pallamano per il quinto anno consecutivo in serie A2, ma niente da fare.

Il Presidente Romandini a malincuore dichiara : ” Ce l’abbiamo messa tutta per iscriverci dove meritiamo di stare. In quella serie A2 per cui abbiamo lottato sino all’ultimo ottenendo la salvezza. La decisione è stata sofferta ma inevitabile. Senza più l’appoggio della ditta Troiani&Ciarrocchi, principale sponsor, non abbiamo i soldi per rimanere in A2. Ora proveremo a tutelare i nostri giovani. Per farlo ci serve l’aiuto di qualche imprenditore locale. Mi appello a loro: la pallamano è un patrimonio di tutta Monteprandone. Attraverso la nostra squadra infatti abbiamo fatto conscere questa realtà fuori dai nostri confini. Ringraziamo Troiani&Ciarrocchi per l’aiuto fornitoci fin’ora e negli anni addietro. Ora si deve voltare pagina e ripartire.”

Infine liberato il coach della prima squadra, Andrea Vultaggio, artefice delle ultime due salvezze. In attesa la squadra, con il solo Di Sabatino, già sicuro di lasciare i suoi compagni per motivi personali.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 210 volte, 1 oggi)