GIACOMARRO La Samb all’andata mi ha fatto una grande impressione, stavolta invece non ha avuto il cambio di marcia dell’altra partita, non ha fatto nulla, peccato non essere riusciti a vincere perché ci avevo creduto. Giochiamo a calcio, sappiamo quello che dobbiamo fare. Li ho visti male, vado sul pesante perché una piazza come San Benedetto non merita vedere una squadra che gioca solo sulle palle lunghe e di rimessa. Da come abbiamo visto i 94 minuti, meritavamo di vincere.

Vincere il campionato? Beh adesso la situazione è che il San Cesareo possa perderlo, e non che noi possiamo vincerlo. Solo loro possono perdere il campionato, qui a Termoli ci siamo conosciuti, 20 giocatori tutti nuovi, se adesso riusciamo a fare sei vittorie di seguito, vediamo.

Il rigore? L’arbitro l’ha visto così, negli ultimi 10 minuti ha perso la testa, il loro giocatore era dietro, prima Puglia si è beccato l’ammonizione per simulazione, poi il rigore.

Forgione e Napolano all’andata mi avevano messo in difficoltà, oggi invece no. Certo, se ci fosse stata la curva piena non so come sarebbe finita.

Ripeto, all’andata ho visto una squadra forte, una piazza importante. Io venni qui 25 anni fa, giocavo nel Licata quando la facemmo retrocedere dalla Serie B, e uscii alle 11 di sera. Se la Samb arriva al secondo posto in D è un fallimento, è una piazza impressionante.

Noi abbiamo bloccato i due terzini loro, quando è uscito Scartozzi sono andati in confusione perché non avevano sfoghi, noi abbiamo sofferto fin quando Pazzi e Napolano cercavano la profondità, poi si sono fermati.

Un po’ esagerata a nostro avviso la descrizione dell’incontro di Giacomarro. Vero che la Samb non ha giocato bene, ma è anche vero che il Termoli ha tirato in porta in una sola occasione.

PALLADINI Ci credo e ci crederò fino alla fine, per quello che ho visto in campo soprattutto nel secondo tempo meritavamo di vincere, contro una squadra che ci ha tirato in porta una sola volta.

Giacomarro? Penso che ha visto una partita diversa. Loro hanno tirato una sola volta in porta, noi abbiamo tirato tre o quattro volte. Pensasse alla sua squadra, che ha speso 600 mila euro per vincere il campionato. All’andata vogliamo parlare del loro rigore? Oggi abbiamo pagato anche l’assenza dei centrocampisti. Loro hanno fatto un tiro in porta, e hanno segnato. Dire che loro meritavano di vincere non è corretto.

Loro hanno segnato con una spizzata su lancio lungo, in una situazione nella quale ci siamo fatti trovare impreparati. Eppure in settimana abbiamo provato spesso questa cosa.

Puglia? E’ entrato perché ad un certo punto ci siamo messi con due mediani, con Santoni che doveva fare la seconda punta con Pazzi.

Provare Pazzi-Shiba? Non dovevamo buttare la palla, io credo che questa squadra non riesce a sopportare quattro attaccanti offensivi.

Io da adesso in poi voglio vincerle tutte, spero che prima o poi il San Cesareo faccia un passo falso.

Forgione a centrocampo? Se l’è cavata, oggi ha giocato meglio da mediano basso che da mezz’ala. Certo, potevamo fare meglio, ma mi dispiace che nel momento a noi migliore abbiamo preso gol. Nel secondo tempo abbiamo fatto noi la partita.

La Civitanovese, che incontriamo giovedì, è una formazione forte, che non rispecchia la classifica che ha, non era costruita per stare sotto. Noi però dobbiamo pensare a noi stessi e vincere, mentre spero che l’Astrea contro il San Cesareo rifaccia la stessa partita fatta con noi, anche senza i raccattapalle (i due allenatori di Astrea e San Cesareo sono fratelli).

Napolano adesso sta accusando un po’ di fatica mentale, perché anche la stampa afferma che la squadra è dipendente da lui, ma noi abbiamo fatto 65 gol, quindi si è caricato di una responsabilità eccessiva addosso. Lui è un giocatore importantissimo, se non è sereno e si mette a disposizione della squadra diventa più complicato. I gol poi arrivano lo stesso.

Il Termoli veniva da quattro vittorie consecutive, e la formazione ha grandissimi nomi. Loro giocano 5-3-2, a me quando uno dà i giudizi senza conoscere le difficoltà del momento, perché giochiamo senza Traini, Onesti, Scartozzi, Camilli, Aquino… Perdere Traini secondo me è perdere un giocatore importante, perché dà input, corsa, centimetri, gol. Scartozzi ha subito uno stiramento.

PAZZI Un momento particolare con tanti ragazzi fuori, si gioca in casa senza tifosi. Ma è stato importante non perdere e restare agganciati, 4 punti si possono recuperare. Meno male che abbiamo recuperato, in questo momento dobbiamo tenere botta, giovedì è una partita fondamentale, cerchiamo di recuperare più gente possibile perché a centrocampo abbiamo i ruoli contati. La sostituzione? Avevo ancora le batterie cariche, ma le scelte le fa il mister.

PUGLIA Il rigore? Io ho preso la palla ma poi ho ricevuto un calcio sulla spalla sinistra. Rigore netto. Invece sull’ammonizione per simulazione è stata corretta. Mi dispiace per quell’occasione di testa, con la palla uscita di un millimetro. Adesso ci aspetta una battaglia a Civitanova dove dobbiamo andare carichi. Dobbiamo pensare a noi, 4 punti non sono tanti ma neanche pochi. Dovremo fare il massimo e vedere a che punto ci troveremo il 5 maggio. Noi ci crediamo e non molleremo. L’arbitro ha diretto bene.

 

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.506 volte, 1 oggi)