SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si scaldano i motori per le imminenti elezioni politiche: anche la lista “Rivoluzione Civile“, che ha candidato come Presidente del Consiglio l’ex magistrato Antonio Ingroia, si sta organizzando per candidature e condivisione dei programmi.

E’ convocata infatti per domenica 6 gennaio alle ore 16, presso la Casa del Popolo C.Vera di San Benedetto del Tronto (Via Metauro 27 a Porto d’Ascoli) l’assemblea provinciale di Cambiare si può. Il “referendum” online tra gli aderenti al progetto ha stabilito che ‘Cambiare si Può’ aderisca alla lista elettorale “Rivoluzione Civile”, che mira a portare in Parlamento le istanze della società civile e dei “Movimenti” che in questi anni hanno lottato fuori dalle istituzioni nazionali. +

“Quindi No alla Tav, no all’acquisto dei Caccia F-35, no al rifinanziamento delle guerre alle quali l’Italia partecipa. Sul piano economico ridiscussione dei trattati “capestro” europei, in particolare del Fiscal Compact. Ma naturalmente avranno un ruolo predominante anche i diritti dei lavoratori e dei pensionati e la lotta alla mafia. Rivoluzione Civile si porrà come lista alternativa sia al Berlusconismo che al Montismo e al centro-sinistra” è scritto nella convocazione.

“Per questo l’assemblea, aperta a tutti, proverà a confrontarsi su eventuali candidature del Piceno di persone che – con o senza tessere di partito in tasca – siano in grado di rappresentare in parlamento le istanze del territorio Piceno, a partire dalla crisi occupazionale e dalla salvaguardia dei beni comuni. Ma non si parlerà solo di candidature alle elezioni pollitiche del 2013: “Cambiare si Può vuole essere un progetto a lungo termine in grado di aggregare le realtà della sinistra” termina la nota.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.153 volte, 1 oggi)