MARTINSICURO – Un quintale di botti sequestrati a Martinsicuro il 31 dicembre. La Guardia di Finanza di Giulianova, nell’ambito di una specifica operazione di contrasto alla vendita illegale di fuochi pirotecnici, ha effettuato nella giornata di lunedì un controllo in un esercizio commerciale di proprietà di G.I.

Nel retro del negozio, coperti da una pensilina, sono stati trovati 580 pezzi tra petardi, cipolle e bombe da mortaio, materiale per il quale il commerciante non è stato in grado di esibire le autorizzazioni per il possesso e la detenzione.

I botti in parte rientranti delle categorie classificate “IV e V, gruppo C”, ed altri, come le bombe da mortaio e le cipolle, non classificati, sono stati sequestrati per violazione delle norme che ne disciplinano il trasporto e la detenzione.

Durante il controllo all’interno del negozio hanno controllato anche un uomo che era in quel momento presente, W.T. di San Benedetto del Tronto. A seguito di un’ispezione nell’auto, i militari hanno rinvenuto botti denominati “Tiger”, “Killer Typhoon” e “Zeus”, tutti appartenenti alla IV e V categoria gruppo C, che sono stati sequestrati.

Sia il commerciante che il cliente sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 901 volte, 1 oggi)