SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Spendere due euro ed invalidare il proprio voto? Ebbene sì, è accaduto pure questo alle parlamentarie del Partito Democratico.

A San Benedetto, sommando le nulle e le bianche, le schede non approvate sono state ben 27. Un numero corposo, realizzato alla vigilia di San Silvestro, con gli elettori che avrebbero potuto al contrario disertare direttamente i seggi.

Non sono mancate comunque curiose manifestazioni di protesta. La più clamorosa è andata in scena all’Auditorium Comunale Tebaldini, sede che raggruppava ben due sezioni cittadine. Su uno dei fogli, oltre al nome di Margherita Sorge, è stato riportato quello di Charles Darwin.

Riferimento eloquente – nonostante l’iniziale smarrimento degli scrutatori – a Luciano Agostini, protagonista ormai quattro anni fa di una magra figura televisiva ai microfoni di Italiauno. Era infatti l’8 ottobre 2008, quando la iena Sabrina Nobile interrogò l’onorevole offidano. La domanda riguardava proprio il naturalista britannico, padre della teoria evoluzionistica della specie: “Chi è Darwin?”.

Imbarazzato ed impacciato, Agostini balbettò: “E’ quello che ha fatto la prima teoria sulla scoperta del mondo”. Poi, incalzato dalla Nobile aggiunse: “Ha scoperto l’uomo, le sembianze dell’uomo, insomma queste cose qui”.

Una performance evidentemente indimenticabile per qualche elettore del Pd che, dopo quasi un lustro, ha voluto riesumare la gaffe mediatica dell’ex sindaco offidano. Lo scherzo ha pertanto invalidato anche la preferenza per la Sorge, in quanto uno dei due nomi trascritti non corrispondeva ai candidati in gara.

MESSAGGI PRO-EMILI C’è infine chi sulla scheda ha preferito prendere una posizione netta in merito alla diatriba interna al Partito Democratico sambenedettese: “Emili-Perazzoli, la politica che fa qualcosa”. Voto azzerato, ma messaggio arrivato a destinazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 793 volte, 1 oggi)