GROTTAMMARE – Trentanove pagine di eventi alla portata di tutti quelle presentate dall’assessore alla Cultura Enrico Piegallini e Luigi Merli nella mattinata del 20 dicembre presso la sala Consigliare di Palazzo Ravenna. Un opuscolo curato nel dettaglio, dal titolo: d’inverno di primavera e di mare. Il nome infatti calza a pennello visto che la scaletta temporale realizzata è già partita nel novembre del 2012 e arriverà, con eventi già programmati, fino a giugno 2013.

“lo stato centrale ha ormai sventrato il settore cultura grazie ai suoi tagli e all’acquisto ad esempio di aerei F24- ha affermato il primo cittadino Merli -.Dobbiamo ringraziare l’assessore Pieragallini che, nonostante la mancanza di fondi, è riuscito a tessere questa tela, creatasi soprattutto grazie alle associazioni che fanno la differenza su questo territorio. Non c’è bisogno di grandi nomi per godere di ottima cultura”.

L’opuscolo in sintesi è stato suddiviso in sei punti e la scelta è stata fatta in base ai luoghi dove si avvieranno via via le manifestazioni e gli eventi: Teatri di Grottammare (Teatro della Parola con “mettere in scena il pensiero”, Commedie Nostre con “Teatro Amatoriale” e Arriva il Tram con “Teatro per ragazzi”); Cinema a cura di Blow Up (Cineforum con “Macerie Prime”); Biblioteca Mario Rivosecchi (servizi e attività per ragazzi, percorsi e laboratori); Feste della città (presepe vivente, Concerto di Natale, discesa delle befane, festa dello sport, Una rotonda sul mare e carnevale dei bambini). L’ultimo punto verte sui Musei e Mostre: museo Torrione della Battaglia, museo Sistino e Museo dell’illustrazione comica.

Il costo totale per la stampa dell’opuscolo è pari a mille euro e sarà distribuito, insieme al giornalino redatto dall’ufficio stampa del Comune Pina Ventuta, a tutte le famiglie grottammaresi in modo da poter via via selezionare gli appuntamenti e le date cui partecipare.

Piergallini dopo aver dato la parola per delle brevi presentazioni ai rappresentanti delle associazioni presenti alla conferenza, ha affermato: “Questa città produce cultura. Otto anni fa è iniziato il lavoro di assemblaggio per presentare prima degli inizi del nuovo anno un calendario che si prolungasse, con i suoi eventi, fino alla prima stagione estiva, giugno. Ci siamo riusciti, con molto lavoro. La cosa più interessante è stata vedere il lavoro crescente delle Associazioni grottammaresi. Oggi sono loro ad alimentare e produrre gli eventi qui nella città”.

Intervenuta anche la responsabile di area Servizi Demografici e Culturali, Fiorella Fiore: “Quest’anno per via dei tagli e sì della crisi avevamo qualche dubbio su come presentarlo e se riuscire a farlo quest’opuscolo. Ci siamo riusciti e speriamo che questo sia un modo per riuscire a riunire i cittadini, in questo periodo difficile, e farlo, perché no davanti a delle belle iniziative.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 403 volte, 1 oggi)