SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il programma dei festeggiamenti in onore di San Benedetto Martire, Patrono della città, ha vissuto nel pomeriggio di martedì 12 ottobre una serie di eventi, tutti in programma nello spazio della festa in piazza Caduti del Mare, dedicati ai più giovani e racchiusi nel titolo “Il martedì del villaggio”.

Molti ragazzi e anche diversi adulti hanno assistito alla presentazione del libro “Cyrus Dikto – La Sinfonia dell’immortale” di Lorenzo Amadio e Michelangelo La Neve che in realtà è stato un vero e proprio spettacolo, con artisti hanno letto e interpretato su sottofondi musicali dal vivo alcuni brani del fantasy scritto dal sambenedettese Amadio insieme allo sceneggiatore di grandi fumetti La Neve. Un progetto che, ha spiegato Amadio, si vorrebbe ampliato con la creazione di altri strumenti multimediali per diffondere le avventure di Cyrus, personaggio immerso in un mondo fantastico e anche un po’ pauroso ma che riesce a far trasparire con chiarezza messaggi positivi come l’amicizia e la capacità di intessere quei “nodi” di relazioni senza i quali nessuno può raggiungere alcun traguardo.

Nel frattempo, nello stand accanto, i più piccoli si divertivano ad impastare e a creare forme sempre nuove sotto la guida dei maestri panificatori dell’omonima associazione artigiana provinciale. Al termine, premio per tutti consistente nel “maritozzo più lungo del mondo” che ovviamente non è stato disdegnato neppure dai tanti accompagnatori adulti.

La mattinata di mercoledì, 13 ottobre, si è aperta con l’intitolazione della rotatoria di viale dello Sport a Domenico Roncarolo, consigliere comunale, imprenditore e presidente della Sambenedettese all’epoca della prima promozione in serie B. Nonostante la pioggia, sono stati in molti a voler partecipare alla cerimonia di scoprimento della targa: ovviamente tutti i familiari del Presidente, scomparso nel 1984, ma anche i suoi successori alla guida della società rossoblù Ferruccio Zoboletti e Sergio Spina. Nel suo intervento il figlio Giorgio Roncarolo ha voluto ricordare altri imprenditori locali che si unirono a suo padre nel condurre in porto quella straordinaria impresa sportiva: dal conte Brancadoro a Giovanni Calabresi, dal Cav. Formentini all’ing. Alberto Gaetani. Come hanno sottolineato il sindaco Gaspari e la presidente del Circolo dei Sambenedettesi Benedetta Trevisani, l’omaggio a Roncarolo vuol significare non solo il ringraziamento per un imprenditore che ha segnato la storia industriale della città ma ad un gruppo di personalità che contribuirono con le loro aziende e il loro lavoro, ma anche con quella grande attenzione per i propri collaboratori e al territorio che oggi si chiamerebbe “responsabilità sociale”, a fare di San Benedetto una città prospera.

La mattinata si è conclusa in sala consiliare dove si è svolta la cerimonia di consegna dei “Gran pavese rossoblù”, (A BREVE ONLINE I VIDEO) il riconoscimento della cittadinanza sambenedettese “per l’opera svolta da personaggi caratteristici locali, da istituzioni, associazioni, enti e società nelle varie attività economiche, sociali, assistenziali, culturali, formative, sportive, nonché per elevati atti di coraggio e di abnegazione civica”. Tutti e 11 i premiati hanno partecipato alla cerimonia (assente il solo Enzo Eusebi, impegnato in Cina, e rappresentato dalla moglie Adriana), e per ognuno di loro un amministratore comunale ha letto le motivazioni prima della consegna della pergamena e della medaglia d’argento. Ricordiamo i nomi dei premiati:

Per la Scienza: Vincenzo Vagnoni – Ricercatore dell’Istituto Nazionale Fisica Nucleare, attualmente impegnato in esperimenti condotti nel laboratorio del CERN di Ginevra

Per la Cultura: Cristian Giammarini – attore teatrale.

Per il Sociale: Umberto Silenzi – Presidente della CARITAS diocesana; Indomito Latini – Esperto Operatore Umanitario

Per le Professioni: Enzo Eusebi – Architetto

Per le Attività Produttive: Giuseppe Merlini – Titolare della Gem Elettronica; Marco Pennesi – Direttore tecnico e pilota del cantiere Metamarine; Nicola Giuliani – Panificatore; Emidio “Mimmo” Del Moro – albergatore e imprenditore turistico

Per lo Sport: Mario Bazzi – ex dirigente sportivo
Premio speciale per il coraggio e l’abnegazione alla signora Adriana Ciarrocchi che per sei lunghi anni ha accudito, in silenzio e con grande dignità, il figlio Marcello rimasto vittima di un grave incidente stradale nel 2004 fino al decesso avvenuto nel febbraio scorso.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 474 volte, 1 oggi)