CESENATICO – Mercoledì lavorativo che però non ferma i tifosi rossoblu che partono alla volta di Cesenatico. Le dimissioni di Ottavio non fanno sperare in una vittoria ma la tribuna ospiti accoglie comunque 60 tifosi venuti da San Benedetto.

La Samb mostra subito di voler vincere ma non basta il primo gol di Mengo a far risollevare gli animi del popolo rossoblu, visto i recenti risultati. E’ al raddoppio di Grieco che la curva si scatena in avanti con un incontenibile “Forza Ragazzi!”.
“Oggi inizia il vero campionato della samb”, esclama Roberto. La curva nord è in festa e continua a cantare e ballare fino alla fine del primo tempo con il tamburo guidato da Lorenzo che accompagna i loro cori.

Al secondo tempo c’è ancora voglia di esultare e Covelli li accontenta con un gol che fa cancellare nella mente dei tifosi le ultime tre partite. La squadra finalmente sembra in sintonia con ciò che hanno sempre richiesto i tifosi dall’inizio del campionato. Ma, immancabile, è il coro che saluta Mister Ottavio Palladini: “Palladini uno di noi”.

A dieci minuti dalla fine il popolo rossoblu incita i proprio beniamini a siglare il quarto gol mettendo K.O. gli avversari, alzando un caloroso “e il quattro a zero perché no?”. La Samb, nonostante i negativi pronostici azzardati dalla curva nord, per la prima volta in questo campionato fa tornare i tifosi rossoblu verso San Benedetto con il sorriso e la voglia di aspettare la prossima domenica per esultare nuovamente. E i tifosi non possono che salutare i loro beniamini con un meritato “Vi vogliamo così”.

Gli ultimi due giorni sono stati caldi sia per la società, quanto più per i tifosi per le dimissioni di Palladini che comunque ricorderanno sempre e ringrazieranno per tutto ciò che ha saputo dare. Ha lavorato sempre con il cuore e i sambenedettesi gli saranno sempre riconoscenti. “Ciao Ottavio e buona fortuna!”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.332 volte, 1 oggi)