Lima 6 Prestazione sufficientemente autorevole. Ha da fare su tiri da lontano che respinge evitando però di bloccare la palla.
Zero 6 Prestazione dignitosa, ma il ragazzo può dare di più.
Nicolosi 6 Non ha un gran da fare in difensa
Oresti 6,5 Meriterebbe anche di più per l’autorità e l’eleganza con cui dirige il traffico in mezzo al campo. Errore censurabile nel secondo tempo quando pecca di sicurezza su uno stop di petto, provocando un’occasione avversaria che per poco non si è concretizzata.
Evangelisti 6 Subentra a partita già decisa.
Pulcini 6 Partita relativamente tranquilla, lo testimonia il fatto che gli avanti romagnoli preferiscono i tiri da lontano alle azioni articolate o alle palle alte.
Mengo 6,5 Per la prima volta nella stagione non si fa ammonire, e per giunta segna un gol fondamentale per sbloccare nei primi giri di orologio una partita che per tanti motivi poteva essere ostica.
Grieco 6,5 Solito copione: primo tempo ottimo e frizzante, secondo tempo con vistoso calo fisico. Bene anche l’esordio sulla fascia sinistra. Guadagna il due a zero con una micidiale proiezione offensiva dalla fascia al centro con tiro cattivo deviato da un difensore in rete.
D’Angelo 6 Come Evangelisti entra in una partita già ben avviata. Uno stop brutto fa temere una cattiva prestazione, poi una discesa sulla fascia e un bel cross ci fanno rivedere il Puffo dell’anno scorso. Incoraggiante? Speriamo di sì.
Rulli 6,5 Solita potenza, tanti tiri da lontano ma non ha fortuna. Imposta e combatte, giocatore di lotta e di governo.
Covelli 6,5 Fino ad oggi ha portato la croce, qui in Romagna ha portato la croce ma ha anche cantato con un gol da attaccante di razza. Solido.
Bianchi 6 Può fare di più quando avrà una condizione migliore. Si fa vedere sotto rete e con conclusioni da lontano, ma ancora non ha il “piede caldo” che ci attendiamo.
Ogliari 7 Grande Marco, sotto un sole cocente corre come un ragazzino e imposta come un veterano regalando a Covelli una palla splendida per il terzo gol. Difficile fare ed essere entrambe le cose, lui ci riesce. In un ruolo non suo, con la testa proiettata purtroppo anche su un grave e recente lutto familiare (è morto un suo zio). Encomiabile.
Giudici 6,5 Onore al vincente, non è mai facile prendersi i tre punti dopo neanche 48 ore al timone di una squadra. Sperimenta Ogliari centrocampista d’impostazione, sposta Grieco sulla sinistra, sa fare a meno di Pazzi risparmiandolo per domenica. La squadra mette in mostra il gioco ordinato che le aveva dato già Palladini, al quale non ci stanchiamo di rendere i suoi comunque visibili meriti. In bocca al lupo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 680 volte, 1 oggi)