CITTA’ SANT’ANGELO – Perde con qualche rimpianto l’Hc Monteprandone contro il Città Sant’Angelo, e la classifica torna preoccupante (terz’ultimo posto). Coach Pierpaolo Romandini lancia il monito: «Forse avevamo creduto di essere già salvi, e invece». Il bottino del nuovo anno per adesso recita un punto appena (il pari casalingo contro Cingoli). In Abruzzo i celesti rimangono in partita un tempo, poco più, poi crollano.

Recuperati Paolucci, l’ex di turno, e La Brecciosa, la Troiani & Ciarrocchi comincia l’ultima del girone di andata con la mentalità giusta, ribattendo colpo su colpo ai padroni di casa. Equilibrio fino al 9′ 25” (6-5), dopo Città Sant’Angelo scappa. Fuga? Non proprio. I celesti riescono a limitare i danni (al 15′ è 11-8). Spartito identico fino al rientro negli spogliatoi, con i locali sul +4 (19-15). Il secondo tempo resta vivo una decina di minuti, poi gli abruzzesi prendono il largo. I 9 punti di distacco finali fotografano la prestazione sotto tono dell’Hc. L’unica nota positiva gli esordi degli under 16, Nepa (in gol grazie a un rigore) e Giobbi.

Romandini allarga le braccia: «Dovevamo e potevamo fare di più. Rimbocchiamoci le maniche». Si ritorna in campo il 13 febbraio: al Colle Gioioso arriva Pescara.

UNDER 16, BATTUTA L’ASCOLI MONTEPRANDONE: Di Bonaventura, Giobbi 7, Grilli D. 6, Marucci 1, Nepa 11, Medori S. 4, Grilli L., Stracci, Galloppa, Di Pietropaolo 1, Isopi, Medori D. All.: Cerisoli.

ASCOLI: Mucci 3, Ferretti 13, Angelini 1, Filiaggi, Damiani 2, Bellini 2, Lapegna, Cola 2, Mancini, Ciannavei, Tarquini. All.: Bordoni.

Arbitro: Capponi.

NOTE: parziale primo tempo: 14-8.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 964 volte, 1 oggi)