ALBA ADRIATICA – Valeria Rosini, la studentessa 24enne in coma dallo scorso 26 dicembre per un incidente in montagna a Campo Imperatore, non ce l’ha fatta e si è spenta mercoledì 20 gennaio  nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila.

La ragazza il giorno di Santo Stefano si era recata con degli amici a sciare, ma poi avevano deciso di ripiegare su un’escursione. Il gruppo però si era imbattuto in un lastrone di ghiaccio e i cinque ragazzi erano scivolati in un dirupo. Mentre gli altri quattro se l’erano cavata solo con alcune fratture e contusioni, Valeria era apparsa subito gravissima: aveva infatti battuto la testa contro delle rocce ed era priva di conoscenza. Trasportata in elicottero in ospedale era stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.

Da allora la ragazza era tenuta in coma farmacologico e le sue condizioni non sono migliorate nel tempo. Negli ultimi giorni il quadro clinico si era ulteriormente aggravato, fino a quando stamattina il suo cuore ha cessato di battere. I genitori della ragazza hanno dato il consenso per l’espianto degli organi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.916 volte, 1 oggi)