GROTTAMMARE – Il concorso di idee per la riqualificazione del tratto di lungomare fra via Balestra e il ponte del Tesino vede concludere una fase e l’inizio di un’altra. Ci è voluto un po’ più di tempo, vista la grande partecipazione e l’arrivo di ben 28 elaborati da tutta Italia.

Gli elaborati sono stati valutati dalla commissione interna, composta dall’architetto Liliana Ruffini (presidente della commissione), l’ingegnere Marco Marcucci, il geometra Piergiorgio Butteri e Angela Piazzolla (Segretario di commissione).

Le idee nel complesso sono interessanti, anche quelle che non sono state selezionate hanno portato impressioni positive: «Alcuni progetti – spiega il presidente della commissione Ruffini – non sono stati selezionati semplicemente perché andavano fuori budget, o perché andavano a lavorare solo sulla spiaggia o una sola parte del lungomare, altri progetti non erano attuabili, come il porto. Rimangono comunque dei bei progetti».

Il prossimo passo della riqualificazione vede l’esposizione di tutti e 28 i progetti, due tavole per ognuno, in piazza Kursaal, venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 giugno, a disposizione della valutazione della cittadinanza. Il martedì successivo, il 16 giugno, si terrà invece l’assemblea pubblica, sempre presso la sala Kursaal, a cui sono invitati tutti i cittadini, per la discussione dei vari progetti, idee, consigli. «Se sarà necessario – ha affermato il sindaco Merli – amplieremo le assemblee anche a 2 o 3, ma sempre con cadenza regolare, per permettere il dinamismo dell’attività».

Una volta raccolte ulteriori idee, pareri da parte della cittadinanza, il Comune provvederà all’apertura di un appalto di servizi di progettazione, a cui saranno invitati di certo i progettisti delle 6 idee selezionate. I partecipanti a questo appalto di servizi dovranno rispondere a tre quesiti: tempistica, economica e relazione progettuale.

«Non è detto che vinca il progetto che costa meno – sottolinea il sindaco – poiché verranno valutati appunto tutti e tre gli aspetti che verranno richiesti. Probabilmente non saranno gli Champs-Élysées, ma avremo alla fine un’opera pubblica finita in tutti gli aspetti, decisa assieme alla cittadinanza».

L’obiettivo del concorso di idee, ricordiamo, era appunto quello di ricevere da parte di professionisti del settore idee per la riqualificazione urbana e la valorizzazione dell’area, in particolare con un occhio di riguardo agli aspetti ambientali, ridefinendo gli spazi pedonali e ciclabili. Il tutto migliorando l’accessibilità e la fruibilità degli spazi, sia per le attività turistiche ma, soprattutto, alla vita cittadina.

I progetti selezionati per il primo premio, ad ex equo, sono in tutto sei. Ecco le schede della commissione:

1- Capogruppo Andrea Sopranzi, di Civitanova Marche con Silvia Degano, Fiorenzo Cazzato, Massimiliano Cossignani e Gabriele Cardarelli. Valutazione della commissione: la proposta si caratterizza per la cura degli aspetti di dettaglio, l’inserimento nel paesaggio attraverso l’articolazione e movimentazione degli spazi, conservando anche un numero cospicuo di parcheggi.

2- Capogruppo Fabio Viviani, di San Benedetto del Tronto, con Nazzareno Viviani, Valerio Gabrielli, Maria Cecilia Cossignani, collaboratori Rutilia Pasqualetti, Luca Troiani e Daniela Di Sabatino. Valutazione della commissione: La soluzione proposta delinea l’uso di un’unica corsia a doppio senso di marcia, a vantaggio della realizzazione di un apposito corsello a servizio dei parcheggi ricavati in sede separata e di una maggiore dotazione di aree pavimentate pedonali. L’idea si segnala per il particolare approfondimento degli aspetti ambientali ed energetici.

3- Capogruppo Timoty Daniel Browlee, Giulianova, con Francesca Guidoni, collaboratori Cristiano Bernardi, Pierfrancesco Rocci. Valutazione della commissione: La soluzione proposta si segnala per l’uso di un’unica corsia a doppio senso di marcia, a vantaggio di una maggiore dotazione di aree verdi, la cui sistemazione contribuisce alla creazione di ampi spazi liberi e permeabili anche dal punto di vista visivo. Caratterizza l’idea l’assenza di barriere architettoniche.

4- Capogruppo Marco Mattioli, San Benedetto del Tronto con Dino Polidori, Katyuscia Laudario, Mirko Pienotti collaboratore. Valutazione della commissione: La proposta architettonica è ricca di spunti innovativi rappresentati dal sistema delle piazze sul mare. Da approfondire gli aspetti relativi alla fattibilità economica.

5- Capogruppo Giovacchino Franceschi di Siracusa con Viviana Adamo. Valutazione della commissione: la propostasi caratterizza per la cura degli aspetti di dettaglio, approfondendo lo studio dei giardini tematici e dell’arredo urbano.

6- Capogruppo Dante Fabbioni di San Benedetto del Tronto con Renzo Pellei, Maria Teresa Borrello, Raffaele Brandimarte, Elisa Palombarini, Luigi Sabini, Deborah Spinozzi, Carlo Zippilli. Valutazione della commissione: La soluzione proposta si segnala per l’uso di un’unica corsia a doppio senso di marcia a vantaggio di una maggiore dotazione di aree pavimentate. L’idea progettuale evidenzia una soluzione innovativa, nell’introduzione di una pineta quale collegamento fra le due porzioni significative del lungomare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.974 volte, 1 oggi)