ASCOLI PICENO- Quando la volante della polizia è arrivata sul posto alle 5,45 ha trovato due uomini con i vestiti imbrattati di sangue. E’ successo in via Pazzi a Spinetoli. L’uomo dei due era in evidente stato di ubriachezza. Mentre i due venivano accompagnati in Ospedale per gli accertamenti clini del caso gli latri occupanti dell’appartamento erano trasportati in Questura per successivi accertamenti e chiarimenti.

Da questi riscontri risultava che B.Z: marocchino di 28 anni residente a Ascoli Piceno, nella serata nella serata precedente aveva incontrato in un bar della zona H.R suo coetaneo e anche lui marocchino in compagnia della sua ragazza S.L. anche lei 18enne marocchina e H.F.Z 31enne marocchina ed ex ragazza di B.Z..

In quell’occasione quest’ultimo toglieva con violenza alla sua ex 50 euro ed un cellulare Nokia. Verso le ore 5.00 odierna B.Z. evidentemente in preda ai fumi dell’alcool si portava a Spinetoli presso l’abitazione di H.R. ove vi erano anche le due ragazze e pretendeva di entrare. Al rifiuto aggrediva H.R. con calci e pugni provocandogli ferite giudicate guaribili in 15 giorni dal pronto soccorso.

H.R. chiedeva aiuto al proprietario dell’appartamento il quale chiamava il 113 provocando l’arrivo della volante. Nei confronti di B.Z. si è proceduto alla denuncia a piede libero per lesioni e per rapina significando che sia il cellulare che la banconota venivano rinvenute addosso allo stesso mentre nei confronti della H.F.Z. si procedeva a denuncia per aver violato l’ordine di espulsione del Questore. Nulla emergeva a carico degli altri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.169 volte, 1 oggi)