GIULIANOVA – Porto poco pulito e mancanza di rispetto delle norme vigenti in tema ambientale: sono queste le questioni sollevate dal Meetup di Beppe Grillo di Giulianova e dalla lista civica “Cittadini di Giulianova” attraverso la segnalazione di un cittadino.

«Le imbarcazioni – si legge in una nota –  ogni anno vengono sottoposte a lavori di manutenzione, gli scafi vengono carteggiati togliendo quel velo di vernice antivegetativa che potrebbe contenere sostanze pericolose per l’ambiente».

Sostanze che poi col tempo vengono disperse in aria, terra e mare. E calcolando che per ogni imbarcazione vengono utilizzati minimo 3-4 kg di vernice – che aumentano in proporzione alle dimensioni della barca – «dovrebbero essere smaltiti ogni anno quintali se non tonnellate di residui di vernici antivegetative».

L’associazione si chiede pertanto se siano rispettate le severissime norme che riguardano lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi nel porto di Giulianova e se la Capitanieria e l’Ente Porto effettuino i dovuti controlli sull’utilizzo dei materiali tossici nei lavori di manutenzione delle imbarcazioni all’interno dei cantieri. Chiede inoltre di sapere se le acque del porto siano sottoposte dall’Arta e dalla Capitaneria alle dovute analisi e di essere messi a conoscenza dei relativi risultati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 521 volte, 1 oggi)