SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un incontro che si è svolto a Durazzo, in Albania, è stato un’occasione per la nostra città per presentare possibili piste di lavoro comuni in vista dell’uscita dei bandi comunitari in tema di cooperazione transnazionale e transfrontaliera e più precisamente gli strumenti “Adriatico Ipa” e “Mediterraneo”.
Il Comune di San Benedetto ha partecipato all’incontro accogliendo l’invito del primo cittadino di Pescara, Luciano D’Alfonso, presidente del Forum delle città dello Ionio e dell’Adriatico.
All’incontro che si è tenuto lo scorso venerdì 14 marzo, ha partecipato l’assessore all’Ambiente Paolo Canducci, che ha illustrato e cercato di trovare tra i Comuni presenti l’interesse e la collaborazione progettuale e attuativa sui temi della pesca e dell’ambiente.
L’amministrazione di San Benedetto ha segnalato tre possibili linee di lavoro comune che riguardano: la promozione dell’innovazione e dell’integrazione tra operatori per sostenere la competitività del settore; la tutela e la valorizzazione della risorsa mare, con particolare attenzione alle aree protette, per promuovere la convergenza verso modelli maggiormente evoluti ed efficienti di gestione e il perfezionamento della gestione delle piccole città costiere, con specifico riferimento allo sviluppo sostenibile ed alla riconversione del settore della pesca. L’idea è quella di tentare azioni incisive in due settori nevralgici per la città: la questione ambientale marina e l’economia della pesca. Ai tecnici comunali spetta ora un duro compito: quello di cercare di chiudere le alleanze con altri territori ed espletare i concetti progettuali da inviare alle autorità responsabili della valutazione dei progetti.
Il Forum è un’assemblea che progetta e realizza iniziative riguardanti il bacino dell’Adriatico e dello Ionio. Il network è ormai giunto al suo decimo anno d’età e vede la partecipazione di Comuni grandi e piccoli affacciati su questi mari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 651 volte, 1 oggi)