Salernitana (4-4-2): Pinna; Ambrogioni, Fusco L., Cardinale e Milanese; Fusco V. (19′ s.t. Troise), Soligo, Russo (26′ s.t. Mammarella); e Ciarcià; Di Napoli e Ferraro.
In panchina: Prisco, Imparato, Coppini, Troise, Giannone, Masini e Magliocco.
Allenatore: Andrea Agostinelli.

Sambenedettese (4-3-2-1): Visi; Tinazzi (c), Moi, Galeotti e Santoni; Giorgino (28′ s.t. Soddimo), Palladini e Ferrini; Cia (19′ s.t. Romanelli) e Olivieri (10′ s.t. Morini); Curiale.
In panchina: Bindi, Camisa, Morini, Carboni, Forò, Romanelli e Soddimo.
Allenatore: Piccioni.

Arbitro: Andolfatto di Bassano del Grappa.

Samb subito in svantaggio all’Arechi di Salerno: gol di Arturo Di Napoli al 1′, su un rigore dubbio e molto contestato. Lo stesso Di Napoli aveva approfittato di un lisci di Palladini e si era scontrato con Visi.

Nel secondo tempo la Samb è ripartita all’attacco, affidandosi soprattutto a Curiale. Ma la Salernitana ha sfiorato il raddoppio con un tiro di Di Napoli respinto da Visi: la palla è carambolata su Palladini e stava quasi per entrare nella porta sguarnita. Al 16′ Samb molto vicina al pareggio, con una mischia furibonda in area granata: proteste dei rossoblu per un mani in area salernitana. Espulsi nell’occasione, per proteste mister Piccioni e Nikola Olivieri, entrambi in panchina.

Al 39′ altra grande occasione per la Samb, con tiro di Curiale respinto con tanta difficoltà da Pinna. Sull’angolo seguente Ferrini si esibisce in una splendida rovesciata, la palla si perde di pochissimo sul fondo.

Dopo 4 minuti di recupero, termina l’incontro. La Samb avrebbe meritato il pareggio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.159 volte, 1 oggi)